Salone del Mobile Milano 2016: Henge presenta in anteprima la collezione 2016, le foto

Henge andrà al Salone Internazionale del Mobile di Milano con la nuova collezione, disegnata da Massimo Castagna, direttore artistico del brand. Scopri di più qui su Designerblog.

Henge andrà al Salone Internazionale del Mobile di Milano con la nuova collezione, disegnata da Massimo Castagna, direttore artistico del brand.

Gli arredi, nascono dalle sapienti mani degli artigiani Henge, che esaltano le insostituibili capacità manifatturiere, frutto della tradizione made in Italy e sviluppate in contesti locali unici. Una selezione significativa delle nuove proposte 2016 indaga il sapere artigianale della terra di Murano,
isola al largo di Venezia, nelle cui calli aleggia lo spirito di un luogo magico che, attraverso i suoi laboratori, ha sviluppato conoscenze senza tempo e dal gusto contemporaneo.

Un racconto puntuale del mondo dell’atelier, che è lo specchio reale dei progetti di interior contemporanei, internazionali e di alto livello, nei quali Henge si pone come partner di pregio, proponendo arredi, imbottiti, illuminazione, complementi, fino a prodotti speciali ad alto grado di customizzazione per l’arredamento della casa, tutti realizzati in modo rigorosamente artigianale, senza compromessi.

Nella nuova collezione 2016 il brand sperimenta nel mondo dei materiali preziosi ed inediti, alla ricerca
di una perfezione esclusiva. Ne sono testimoni lo Stone Oak e lo Stone Elm, legni fossili che sono rimasti sepolti a causa dei mutamenti geologici per secoli sotto l’argilla del sottobosco e ora riaffiorati con un fascino incantato. Henge li ha rintracciati ed impiegati per realizzare una edizione limitata di 10 pezzi. O ancora, la rete di rame Metal Mesh, le realizzazioni in argento brunito 999 H Silver, la corposa pelle E-Type effetto vintage e l’esclusiva pietra Web Grey.

Il valore dei nuovi arredi e complementi, che esaltano la materia e la qualità delle lavorazioni, è rivelato ad esempio nel nuovo lampadario di Henge, composto da molteplici elementi in vetro di Murano dalle geometrie imperfette, che formano una empirica installazione luminosa, con struttura in ottone brunito a mano. A lato, una consolle in legno, caratterizzata da gole in metallo H Silver che, sospesa su esili supporti, razionalizza lo spazio. Inoltre, l’originale coffee table a forma triangolare con top in pietra e inserti in ottone, perfetto esempio di sintesi tra materia, tecnologia produttiva e forma.

Un fascino ossequioso che contribuisce a creare un’atmosfera di interiors suggestivi privati di schemi prefissati ma che anzi apprezzano il valore dei saperi sconfinati che, tramandati da generazioni, sono il vero lusso.


Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO