Fiat 500, Ron Arad firma un'edizione limitata

Ron Arad veste una limited edition della Fiat 500, già protagonista di una sua mostra

Ron Arad, eclettico e influente designer di fama mondiale, ha di recente sposato un progetto tutto italiano che porta il marchio Fiat. Dopo che la storica azienda torinese ha rilanciato la sua 500 in vari formati e varie finiture, arriva anche il tocco glam che mancava.

Ron Arad Fiat500

La nuova Fiat 500 Couture, che proprio in questi giorni ha dato il via ai primi ordini commerciali, sarà infatti vestita da un disegno stilizzato e siglato dallo stesso Arad. Soggetto dell'immagine è l'iconico "Cinquino" del 1957, che mostra come si è evoluto il modello in più di cinquant'anni.

Ron Arad Fiat500

Questa limited edition, che conta anche su finiture di pregio e interni ricercati, ha un costo di circa 19mila euro ed è caratterizzata da un sapiente tocco artigianale rigorosamente made in Italy, il quale permette di personalizzare la carrozzeria con un disegno specifico, rendendo così unico il modello.

Ron Arad Fiat500

Arad, esattamente un anno fa, aveva dimostrato una certa predilezione per le 500, rendendole protagoniste di un'interessante mostra dal titolo "In Reverse", che fino a marzo scorso è stata ospite della Pinacoteca Agnelli di Torino.

Ron Arad Fiat500

Sulle pareti era possibile vedere 6 modelli di 500 schiacciate con una pressa e lavorate in modo artistico come fossero fiori secchi. Il ciclo di costruzione e distruzione diveniva così simbolo dell'industria automobilistica del Dopoguerra, a contrasto con l'immortalità dell'arte.

Ron Arad Fiat500

Per tornare alla nuova Couture, oltre ad un look esterno originale, quest'auto può contare su una dotazione di serie di tutto rispetto, fra cui tetto in cristallo, dettagli cromati, sedili rivesti in pelle Poltrona Frau di colore nero con rifiniture color avorio, volante in pelle e cerchi in lega da 16" diamantati.

Il tocco più chic? Le calotte degli specchietti esterni in bianco, per richiamare la tinta della silhouette del Cinquino del 57 e della firma di Ron Arad.

  • shares
  • Mail