Expo 2015: il padiglione della Slovenia progettato dallo studio SoNo

Il progetto, dallo slogan “I feel Slovenia. Green. Active. Healthy" è stato ideato dallo studio SoNo e sarà realizzato dall'azienda slovena Lumar, leader nell'ambito delle abitazioni prefabbricate a basso consumo energetico

Grande estensione delle foreste, la forte presenza di laghi e corsi d’acqua, il mare e le sue coste, in generale la vastità delle risorse naturali: queste sono le caratteristiche principali che la Slovenia vuole portare ad Expo Milano 2015, un'immagine di grande bellezza naturale, che incarna un ideale di vita equilibrata. Nel padiglione, che si estende su un’area espositiva di 1910 metri quadri, viene esplicitato il legame tra ambiente sano e cibo sano, prodotto quasi a km 0 e soprattutto con metodi che non influiscono sull’ecosistema. In sintesi: le risorse naturali sono fondamentali per ottenere alimenti sani e di conseguenza un'elevata qualità di vita.

Padiglione della Slovenia - Esterno

La Slovenia vuole stimolare i sensi dei visitatori, simile all'Italia per grande varietà di cibo concentrata in poco spazio, nel Paese si trovano ben ventiquattro regioni gastronomiche, ognuna con la propria particolarità, ed oltre al cibo, un grande protagonista sarà il vino, i vigneti, infatti, ricoprono una porzione significativa del territorio sloveno. Attraversando il padiglione e le superfici verdi che lo caratterizzano e che rimandano alla sua lussureggiante natura, si potrà conoscere questo territorio in tutta la sua bellezza e in tutta la sua vitalità.

Parete verde interna

Realizzato dall'azienda leader nella costruzione di case prefabbricate a basso contenuto energetico Lumar, il padiglione è stato progettato dallo studio SoNo, con particolare attenzione al lato sostenibile dell'involucro. Le cinque strutture prismatiche, posizionate sulla superficie in modo dinamico, ricordano la grande varietà del paesaggio naturale di questo paese ed al loro interno si alternano pareti verdi e spazi espositivi. Grandi spicchi per metà vetrati e per metà in legno, si sollevano dal suolo come in preda ad un movimento improvviso della crosta terrestre, così come è accaduto per formazione delle montagne: una delle grandi risorse naturali della Slovenia. Le linee sono geometriche e rigorose e, soprattutto nei tagli, ricordano le architetture di Liebeskind, anche l'allestimento interno basato su arredi modulari con base a nido d'ape, rimanda alla natura ed alle sue forme.

Expo 2015: il padiglione della Slovenia progettato dallo studio SoNo


Foto | SoNo

  • shares
  • Mail