Chaumont-sur-Loire, le nuove architettura dei giardini

Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio

Che bella l'architettura dei giardini. Non solo ci distende, ripristinando gli ambienti verdi sottratti dalla crescita degli spazi urbani, ma non ha neanche paura di contaminare la presunta naturalità del paesaggio con un intervento artificiale. Il cui fine, a seconda dei casi, potrebbe essere quello di sollecitare i sensi, di perseguire un'estetica, o anche di suscitare domande e riflessioni sul mondo che ci circonda.

A Chaumont sur Loire, in Francia, un Festival celebra le più ricercate architetture dei giardini ospitando più di 300 designer e artisti internazionali, quest'anno chiamati a intervenire sul tema "Giardini, corpo e anima".

Le ispirazioni sono le più diverse: c'è chi si confronta con la minaccia degli sconvolgimenti climatici (come per Igloolik Ultima che vedete qui sopra, un igloo che usa le piante non potendo più fare ricorso alla neve), chi vede nel giardino uno spazio primario per la coltivazione di piante per le tisane, chi inserisce una colonia di casette per gli uccellini sonore per un concerto di cinguettii. Le installazioni potranno essere visitate fino al 17 ottobre.

Via | At Casa

Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio

Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio
Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio
Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio

Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio
Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio
Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio
Il Festival di Chaumont-sur-Loire sull'architettura del paesaggio

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: