Guida del design a Venezia

Verrà presentata domani, martedì 13 marzo, presso la libreria Mondadori Venezia, la “Guida del design a Venezia. Luoghi d’eccellenza del design”, realizzata del Dipartimento Itaca dell’Università La Sapienza di Roma in collaborazione con la Facoltà di Design e Arti dello Iuav.

La guida fa parte della collana “designCity”, di cui sono già usciti i volumi dedicati alle città di Roma e Palermo, e rilegge la città lagunare prendendo spunto dal tema del design.
Attraverso Approfondimenti, Itinerari e mappe viene individuato nel design un filo conduttore, un pretesto per costruire percorsi che abbiano negli indirizzi presentati una serie di punti di riferimento, nuovi luoghi della memoria: dall’ex negozio Olivetti di Carlo Scarpa al bed&breakfast minimale, dall’Harry’s Bar alla galleria di vetri contemporanei di Marina Barovier.
Segue il comunicato stampa.

"Individuare nel design – secondo una lettura ampia del termine – un tema guida è un pretesto per scoprire almeno qualcosa di Venezia e per costruire un percorso che sia insieme “reale” e mentale, affettivo, trovando negli indirizzi presentati l’occasione di trovare una serie di punti di riferimento, possibili nuovi luoghi della memoria da scoprire.
Pur con un margine di originalità, l’organizzazione della guida tiene fede alla collana già avviata per Roma e Palermo, e quindi si struttura per grandi partizioni – Entertainment, Cultura, Product – sotto le quali sono le schede dedicate a alberghi, locali, musei e gallerie, negozi, laboratori che se non sono necessariamente dedicati al design in senso stretto quanto meno con il design, la comunicazione visiva e la progettazione hanno pertinenza. Accanto al bed&breakfast minimale, alle librerie e ai bookshop, si trovano allora, per fare qualche esempio, l’Harry’s Bar con i suoi arredi che sono ormai patrimonio tutelato, l’ex negozio Olivetti dovuto al genio di Carlo Scarpa, la galleria di Marina Barovier con vetri contemporanei d’autore, e naturalmente le vetrerie di Murano maggiormente legate a una certa idea di design e alla sua recente storia novecentesca, percorribile del resto nelle preziose gallerie d’antiquariato; e ancora gli squeri, dove si costruiscono le gondole il cui progetto pare nato direttamente dall’acqua e dall’uso, e quindi i laboratori in cui si lavorano le forcole, e così via.
A complemento delle schede, a suggerire legami e connessioni, sono poi gli Itinerari dedicati ai grandi temi della ex Serenissima: Marineria, Tessuto e Vetro, e i numerosi Approfondimenti che raccontano di designer e grafici veneziani o che hanno eletto come loro patria Venezia: una città che forse più di altre non può non lasciare una trama, un riflesso.
La speranza è che questa guida stessa restituisca qualcosa di tale spirito, così come lo abbiamo colto e per il quale ringraziamo tutti quanti ci hanno accolti e a vario titolo ci hanno aiutato nella raccolta dei materiali e nella costruzione di questa guida."

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: