Arredo bagno: la rivoluzione della libera installazione di Splinter Works

Splinter Works punta sulla libera installazione dei sanitari per un arredo bagno di tendenza

Arredo bagno by Splinter Works

L'arredo bagno da qualche anno a questa parte, sta vivendo il suo momento di gloria. In linea con le tendenze vintage dell'ultimo decennio, anche la sala da bagno si è adeguata a lo spirito retrò che sta animando ogni campo del lifestyle. Qui la rivoluzione la fa la libera installazione dei sanitari, con proposte interessanti e d'impatto da parte delle aziende.

Un esempio è Splinter Works, che ha immaginato il bagno ideale elegante come un salotto, con una vasca da bagno simile ad un'opera di arte moderna e un lavabo in pendant. I materiali sono hi-tech, infatti gli elementi sono realizzati in fibra di carbonio, le linee sono moderne, con spigoli, rientranze e forme decisamente nuove e sensuali.

Arredo bagno by Splinter Works

Dopo la nascita della vasca Vessel, disegnata come un'amaca affinché portasse subito alla mente l'idea della pace e del relax, l'azienda ha realizzato anche il lavabo, che dalla prima ruba gli angoli sporgenti e la conca copputa della base. L'uso della fibra di carbonio rappresenta poi una vera novità nel campo dei sanitari, rendendo modernissima questa serie.

Per realizzare vasca e lavandino sono stati usati macchinari presi in prestito dalla filiera produttiva delle auto di Formula 1. Il risultato finale, sebbene a prima vista possa sembrare imponente e pesante come se gli oggetti fossero creati in marmo (la laccatura lucida confonde un po' le carte in tavola, lo ammettiamo), è in verità un tripudio di leggerezza, con Vessel che pesa solo 14 chili da vuota, contro i canonici 25-30 delle comuni vasche in metallo.

Questa leggiadria garantisce una facilità di posizionamento senza dover rinforzare il pavimento sottostante e pari semplicità di spostamento all'occorrenza. Se la versione in total black poi non dovesse piacere, va detto che il brand garantisce un buon livello di personalizzazione, permettendo di scegliere altre tonalità.

Unico limite: l'effetto laccato lucido da cui per ora non si può prescindere. Chi desiderasse il freestanding opaco dovrebbe al momento concentrarsi su altri materiali, come il Corian®, tanto amato da Planit per le sue ultime realizzazioni, oppure su alcuni mix di resine e componenti minerali in grado di dare un aspetto matt al bagno.

  • shares
  • Mail