Memory, la nuova seduta di Tokujin Yoshioka per Moroso

La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso

Dopo Paper Cloud, continua la collaborazione tra Moroso e il designer giapponese Tokujin Yoshioka, questa volte alle prese con un concept ancora più sperimentale che gioca sull'idea di assenza di forma e di plasmabilità.

Di Memory, infatti, Yoshioka dice: "questa sedia ci può ricordare la bellezza della natura per le sue espressioni sempre in mutamento, e può anche creare l'impressione che non ci sia alcuna traccia di un progetto". Il particolare tessuto con cui è stata realizzata, sviluppato appositamente per il prodotto a partire dall'alluminio riciclato, si altera infatti a seconda delle pressioni che vengono esercitate, lasciando l'impronta dell'uso e della forma apportata dall'utente finale.

Per Yoshioka, si tratta di un nuovo lavoro di ricerca dopo quello, già in anteprima su Designerblog, di The Invisibles per Kartell: due progetti che, nel bene o nel male, sarà molto interessante vedere dal vivo, e che confermano la grande visibilità che questo designer sembra già avere conquistato in questa edizione del Salone.

Via | Existing Visual

La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso
La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso
La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso
La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso

La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso
La seduta Memory di Tokujin Yoshioka per Moroso

  • shares
  • Mail