I "Digital Graffiti" di Tangible Interaction

Una delle nuove frontiere della street-art e in particolare dei graffiti sembra essere quella che prevede l'interazione con la video arte e tutte le nuove tecnologie legate all'immagine digitale. Si evita l'invasione (spesso indesiderata) delle superfici urbane e i conseguenti costi dei materiali ed eventuale, successiva copertura.

Nascono quindi continuamente dei dispositivi che hanno anche il vantaggio di poter essere trasportati ovunque e garantire divertimento durante delle performance 'a noleggio'. Proprio quello che è accaduto in occasione del party al villaggio degli atleti commissionato dal Vancouver Organizing Committee per le Olimpiadi invernali di quest'anno.

La Tangible Interaction di Alex Beim ha realizzato "Digital Graffiti", uno strumento che permette di disegnare su grande schermo come se si utilizzasse un qualsiasi software per l'illustrazione. Affidandosi all'esperienza in fatto di workshop di Carson Ting e Denise Cheung della Chairman Ting Industries, ha conquistato il pubblico con una serie di lavori prodotti sul momento per poi essere rapidamente cancellati e sostituiti. Il futuro dell'arte di strada passa anche da qui (?).

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: