Eva: la parete multifunzione di H2O architectes

Eva-H2O

Se proprio ieri vi abbiamo parlato di Abitacolo, lo storico mobile-stanza ideato da Bruno Munari nel 1971, oggi vogliamo proporvi quello che può essere considerato un mobile molto vicino come concetto. Una struttura unica, sempre per arredare le stanze dei più piccoli, che crea uno 'spazio nello spazio' all'interno della camera dei bambini.

Eva è un letto e una scrivania che occupano un'intera parete divisoria. Concepito da H2O architectes, ormai uno degli studi più accreditati e innovativi nel settore del design, separa gli ambienti e sfrutta le ampie dimensioni per distribuire i mobili necessari in maniera funzionale e creativa.

Particolarmente degno di nota è l'uso di scale per sviluppare la mobilità la gestione dello spazio e del corpo del bambino, con tanto di porta a pannello scorrevole che isola la zona 'giorno' da quella 'notte'. Nello spessore del mobile vari ripiani a scomparsa e persino una specie di 'oblò' quadrato da cui i più piccoli possono affacciarsi quando sono a letto. Dopo il salto, la gallery.

Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes
Eva di H2O architectes

Foto | Stéphane Chalmeau via

  • shares
  • Mail