Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto

Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto

Creare nuove locandine di film di culto, graficamente impeccabili, argutamente minimali, cogliendo un solo elemento visivo che rappresenti tutta l'opera, è una di quelle tendenze che entrano in circolo in modo casuale nella rete. È un lavoro di sottrazione, una sineddoche, volendo accennare a una figura retorica, ovvero una parte per il tutto.

Tempo fa avevamo già scritto delle locandine dedicate alle serie tv di Albert Exergian, ma il graphic designer austriaco non è l'unico ad aver intrapreso questa strada. L'inglese Jamie Bolton si dedica principalmente alla fantascienza: la sua visualizzazione dei tre capitoli della saga di Ritorno al Futuro coglie con acume i complicati salti temporali.

Il suo conterraneo Olly Moss preferisce invece un filo conduttore cromatico e tra simmetrie e giochi ottici disegna sette locandine in rosso e nero. Infine il brasiliano Eduardo Prox sembra essere il più minimalista tra tutti, riducendo Kill Bill, Arancia Meccanica e Guerre Stellari ad un'unica (eppur lampante) forma geometrica.

Via | Minimalissimo.com

Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto
Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto

Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto Graphic design: locandine minimali per omaggiare film di culto

  • shares
  • Mail