"Sign Out": le insegne vuote di Josef Schulz

Josef SchulzSignOutGelb#1

Josef Schulz è uno che probabilmente si è fatto tatuare il famoso motto "Less is more", almeno a giudicare dalla sua abilità (e ostinazione) nel 'sottrarre'. Ve ne parliamo, nonostante sia un fotografo e dovrebbe essere materia per i cugini di Clickblog, perché il suo lavoro è tutto votato all'architettura e alla comunicazione urbana.

Quello che sviluppa Schulz con le sue foto è un processo che, concettualmente, si avvicina molto al design. Se il meccanismo era efficace nel caso delle sue foto di spazi in "Sachliches & Formen" (palazzi e strutture catturati secondo un'angolazione talmente 'estrema' da renderli quasi innaturali nella loro essenzialità), in "Sign Out" si arriva all'invenzione di qualcosa che nel panorama -letteralmente- scompare.

Parliamo dei segnali stradali, dei cartelli che pubblicizzano attività e edifici. Il gesto artistico, semplice e immediato, che compie Josef Schulz è quello di togliere le scritte. Rimane, come immaginabile, solo la silhouette dell'insegna: una forma, appunto. Un vuoto che va ad aggiungersi all'estetica del paesaggio. Cosa c'è dentro? Nulla. Un contorno e un colore. Lo spazio sottratto (e aggiunto) alla vista. Il disegno (design) delle indicazioni che dovrebbero funzionalmente catturare l'attenzione e lo fanno ancora, pure se prive di informazioni. Dopo il salto, una gallery dei suoi lavori.

Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz
Sign Out di Josef Schulz

  • shares
  • Mail