Designerblog intervista Smogmilano



Smogmilano è uno studio eclettico nato dalla commistione di persone che provengono da diversi ambiti, ma sono riuscite a trovare un modo comune per comunicare e innovare, divertendosi!
Ecco quello che ci hanno raccontato:

1)Parlateci di voi: percorso di studio e lavoro, obiettivi futuri.

Smogmilano: Siamo un gruppo eterogeneo, un fashion designer, un product designer, un interior designer e una accessories designer.
Tutti portano, attraverso il loro percorso lavorativo, le proprie esperienze allo studio. Obiettivi futuri? Quello di far crescere lo studio, definire meglio gli aspetti della commercializzazione, e sempre più, cercare di collaborare il più possibile con altri artisti e designer con i quali costantemente ci confrontiamo. Crediamo in Smog, come in un contenitore con una sua identità, ma anche aperto a diverse esperienze e influenze.

2) Quali sono i vostri punti di riferimento nel mondo del design?

Smogmilano: Nessun riferimento preciso...è chiaro che certe tendenze in corso influenzano il nostro lavoro, ma cerchiamo di attingere il più possibile da mondi che non appartengono nello specifico al design.
Crediamo molto nella trasversalità dell’approccio quando siamo in fase progettuale e questo ci porta a sconfinare spesso e volentieri in settori che niente hanno a che vedere con le logiche del design...questo succede anche con le aziende che scegliamo per la produzione dei nostri oggetti.

3) Come nascono i vostri progetti e da dove prendete l'ispirazione per dar vita alle vostre creazioni?


Smogmilano: Scusa crediamo di aver risposto nella precedente! Aggiungo solo che una costante è quella di partire non da un’esigenza o un problema reale da risolvere ma piuttosto sensazioni, o idee random, che poi riordiniamo e rendiamo prodotto.
Alcuni oggetti tuttavia, non solo non hanno una funzione, ma spesso si avvalgono della facoltà di non funzionare per niente..“disfunzioni” sono infatti alla base dei progetti useless, la cui non funzionalità ricercata spesso è difficile da ottenere e per questo interessante, quanto la funzionalità.

4) Il progetto a cui siete più legati e perchè?

Smogmilano: I primi legati alla illuminazione...il primo progetto non si scorda mai..giusto?!

5) Il designer più sopravvalutato della storia?

Smogmilano: Boh..non non saprei. Credo che ognuno a suo modo abbia sempre qualche progetto disastroso e qualche chicca da lasciare ai posteri. Non dimentichiamo che il successo di alcuni designer "star" (anche se anche a non tutti piacciono) ha concesso a molte aziende di fare enormi fatturati e in questo è da considerarsi risolto il suo lavoro...

6) L'oggetto più inutile della storia? E quello senza cui non potreste vivere?

Smogmilano: Il piu’ inutile...il nostro bicchiere useless! E’ tappato e non ci puoi versare niente dentro! Quello senza cui non potrei mai vivere..la carta igienica!! Chi l’’ha inventata!??!! e soprattutto: l’avra brevettata??

7) Un desiderio che sperate di realizzare entro il 2010?

Smogmilano: Mettere ordine nel nostro studio e far partire ognuno dei progetti che abbiamo messo in cantiere...sono piu’ di quelli che riusciamo a seguire!

Ringraziamo lo studio Smogmilano e Youngdesigner.it.

smogmilano

smogmilano
smogmilano
smogmilano
smogmilano
smogmilano

  • shares
  • Mail