Night Lights: l'installazione che diverte

Chi l'ha detto che le installazioni devono per forza essere seriosi studi che lasciano il pubblico interdetto o, nel migliore dei casi, assorto in profonde riflessioni sul rapporto uomo-macchina-territorio? Non vogliamo certo screditare lavori più ragionati e legati a premesse che molto spesso producono un'esperienza importante nello spettatore (ci mancherebbe!).

Eppure sarà che oggi è venerdì e la settimana volge al termine, sarà che il brano che fa da colonna sonora a questo video ("Under My Skin" di Gin Wigmore) è uno di quei pezzi soul che conquistano, sarà che ogni tanto è bello vedere facce sorridenti grazie all'arte e al design, vogliamo proporvi "Night Lights", l'installazione del collettivo YesYesNo.

Lo studio, con sede a Londra, New York e Amsterdam ha realizzato questo spettacolo di luci e ombre proiettando il tutto sull' Auckland Ferry Building: il palazzo da cui partono i traghetti nella città della Nuova Zelanda. Tre le diverse tipologie di interazione. Una tramite il movimento del corpo sui due palchi, una muovendo la mano sul tavolo luminoso e l'ultima tracciando le onde dei cellulari in movimento.

Sei scene ripetute in loop ogni ora, un'esperienza ludica e intelligente per ricordare a tutti che è bello e possibile riappropriarsi in modi diversi degli spazi pubblici. E sorriderne anche un po'. C'è anche un set su Flickr che, come il video, documenta lavorazione e esibizione.

  • shares
  • Mail