Letterheady: carta intestata da collezione

Letterheady

A noi rimane tutt'al più una firma in calce, un indirizzo prima dell' '@', qualche fantasiosa immagine in allegato o un codice html. Eppure -lo so: non mi crederete mai- c'erano tempi in cui non solo le lettere si scrivevano a mano (una buffa abitudine fatta di inchiostro e risme di carta), ma si utilizzavano anche dei fogli prestampati con intestazioni e decorazioni che annunciavano il mittente.

Pazzesco, no? Quei fissati di Letterheady hanno deciso di coniare un termine -letterheady, appunto- che stando al loro personalissimo dizionario indica l'essere sopraffatto da una grande emozione dovuta al design di un'intestazione (è un aggettivo, nel caso foste grammaticalmente in dubbio).

Hanno anche messo su un sito, sfruttando la piattaforma di microblogging Tumblr, dove postano le più belle carte da lettera di cui vengono in possesso. Una gioia per gli occhi, nel caso di molti dei lavori proposti. Un archivio fenomenale in cui perdersi (e al quale contribuire). La funzionalità piegata ai voleri dell'eleganza. Anche perché, ci dicono nelle note informative, non gli interessa il contenuto di ciò che c'è scritto. Solo il design. Di seguito, una gallery con alcune delle scansioni.

Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione
Letterheady: carta intestata da collezione

  • shares
  • Mail