L'intervista - Le interfacce di Libero Cavinato

Libero Cavinato è un designer di Mestre che ha deciso di sviluppare questa materia utilizzando il web.. così, se a livello mondiale i riconoscimenti da lui ricevuti sono nell'ambito del webdesign, in realtà i suoi lavori si spingono verso una concezione di webdesign ben più allargata, che utilizza il flash come interfaccia espositiva, con uno stile così forte da creare una categoria a se stante e distante dalla competizione con i colossi del web-design internazionale.
I riconoscimenti ricevuti da Libero sono tra i più prestigiosi al mondo (vincitore al Flashinthecan 2006 di Toronto in Canada, finalista ai Flash Forward 2005 di NY e SF, finalista al Webby Award 2006, Professionista dell'anno agli Italian web awards 2006, ecc.) e i clienti per cui firma lavori di successo, sono spesso aziende di riferimento, la cui immagine deve essere generalmente affidata a team per poter essere soddisfatta.

Ciao Libero, allora... a mio avviso, il lato bello del webdesign è il fatto di avere i confini con altre discipline parecchio "sfumati", in questo senso, tu dal 2000 ti aggiri tra advertising, comunicazione, webdesign e programmazione, utilizzandole tutte con maestria, come un buon artigiano.. Quanto è importante il lato tecnico e quanto quello creativo nel tuo lavoro.

Diciamo che vanno di pari passo, anche se personalmente non amo utilizzare troppi effetti speciali, preferisco realizzare interfacce apparentemente semplici che nascondano la complessità di ciò che vi sta dietro. Troppo spesso la mancanza di creatività viene nascosta dalla tecnica eccellente. Purtroppo il mondo del flash "commerciale" risente molto di questo trend.

Come hai cominciato e come sei finito a fare quello che fai?

Studiavo Grafica tradizionale quando per caso andai in un'agenzia web nel veneziano per imparare a sviluppare siti in html. Vedendo subito che la mia strada non era quella dei siti statici, cominciai ad imbattermi in siti flash come "giglio", che all'epoca erano considerati inutilizzabili se non come fini a se stessi, tanto erano avanti. Da li il colpo di fulmine per quel mezzo che mi ha permesso di trovare la via d'espressione alla mia creatività, flash. Allora non era possibile impararlo se non a Milano e andai li per seguire dei corsi. Non ho più finito di imparare..

come lavori di solito.. da solo o ti interfacci con qualcuno per non perderti in tecnicismi poco romantici e poco creativi?

Dipende dal progetto, ma per cose che non riguardano flash ho dei collaboratori, sono a favore della forte specializzazione professionale.

I tuoi siti hanno una programmazione actionscript avanzata.. quanto ti senti legato all'applicazione Flash?

Per ora e' l'applicazione che mi permette di esprimermi al meglio, provo anche un'attrazione per il video, chissà..

Cosa pensi dell'evoluzione del web2.0 e del social network

Fantastico, e visto come gira il mondo negli ultimi anni chissà che riesca a non farsi tappare la bocca..

Il tuo design, ha spesso elementi comuni con la casualità random della generative-art, ne sei consciamente influenzato?

E' una cosa che mi ha sempre affascinato, e credo che l'utente lo percepisca a livello emozionale.

Quali designer sono per te fonte di ispirazione?

Ce ne sono molti di bravi, ma l'ispirazione spesso arriva da cose non inerenti al design.

Quanto fai riferimento ai portali di award web-site ed eventualmente quali indicheresti come di riferimento?

Li guardo sempre meno, iscrivo i lavori ai premi perché guardino di più i miei ;)

Se il lato tecnico del tuo lavoro richiede materiale che può essere reperito facilmente in rete, il lato creativo, invece, necessita di qualcosa di più. Tu abiti a Mestre, non certo una vivace metropoli, come riesci a mantenere la freschezza creativa.

Viaggio molto e lavoro a casa, tramite internet in 5 minuti puoi vedere tutto quello che accade nel mondo. Detto questo, il tipo di creatività che prediligo e' quella introspettiva.

Essendoti confrontato con il webdesign internazionale, ti chiedo se nel resto del mondo ci sono realtà come la tua o la maggior parte sono grosse agenzie con team numerosi e specializzati?

Se prendiamo il mondo come unità di misura direi che c'e' di tutto di più.

Il domandone degli ultimi anni di crisi economica del Nord-Est: pensi che strutturarti potrebbe aumentare i tuoi guadagni, ma diminuire la qualità dei tuoi lavori?

Dipende da come ti strutturi, credo che dopo una certa soglia, mentale e quantitativa, si senta il bisogno di ampliare l'organico. Perchè la qualità non ne risenta è necessaria una forte personalità che diriga tutto minuziosamente.

Prospettive del webdesign flash-oriented?

Credo ottime, basta saper collocare nella giusta fascia di mercato il proprio lavoro.

  • shares
  • Mail