Designerblog intervista Imegadito



Protagonista dell'intervista di oggi è Imegadito, eclettico studio di Venezia formato dai due designer Zeljko e Gianmaria, che espone i suoi giocosi progetti in questi giorni a Vicenza, in occasione di Young Designer Home.

1) Parlateci di voi: percorso di studio e lavoro, obiettivi futuri.

Imegadito: Zeljko si è laureato in scultura presso l’accademia di belle arti di Venezia e Gianmaria ha studiato allo IUAV. Sarà questo il motivo per il quale i nostri prodotti sono una via di mezzo fra l’arte e design.
Oltre al nostro lavoro di designer, la cosa che ci interessa molto è di dare il nostro contributo alla cultura Veneziana e aprire le prospettive ai giovani creativi di questa città. Con il progetto I Love Tourism Shop, un negozio presso la galleria San Marco della Fondazione Bevilacqua La Masa, stiamo cercando di dare visibilità al design emergente e scoprire la faccia alternativa di Venezia, che esiste, ma purtroppo negli ultimi anni è stata travolta dal commercio rivolto esclusivamente al turismo di massa. Questa cosa ha demoralizzato i giovani e i cittadini in generale. ILT è un compromesso fra turismo e bisogni della città, cioè fra passante e abitante.

2) Quali sono i vostri punti di riferimento nel mondo del design?

Imegadito: Non ci siamo mai concentrati su un tipo di prodotto nello specifico e le nostre cose variano dai vestiti alla grafica. Soprattutto per i bisogni di ILT e la ricerca di giovani designer emergenti da presentare nello shop e in mostra nelle 4WINDOWS, seguiamo diversi campi del design. La lista sarebbe lunghissima, nominare qualcuno e dimenticare magari qualcun altro ci farebbe sentire in colpa…

3) Come nascono i vostri progetti e da dove prendete l'ispirazione per dar vita alle vostre creazioni?

Imegadito: Ogni prodotto nasce dai nostri bisogni e dalle soluzioni che cerchiamo per la nostra casa. In questo modo speriamo che il prodotto che proponiamo sia una soluzione anche per qualcun altro.


4) Il progetto a cui siete più legati e perchè?

Imegadito: Sicuramente le magliette dalla serie I Love Venice. Il loro successo e l’attenzione che hanno avuto ci hanno fatto pensare di formalizzare Imegadito e provare a proporre altre cose. Per nostra fortuna sono piaciute molto ai gestori dei bookshop della Biennale D’Arte e da lì abbiamo comminciato ad occuparci seriamente dei Imegadito come studio. Ovviamente I Love Tourism Shop e 4WINDOWS sono al pari in senso d’importanza.

5) Il designer più sopravvalutato della storia?

Imegadito: Philippe Stark. Crediamo che il successone di alcuni suoi progetti l’abbiamo spinto ad una produzione incontrollata e molte cose che ha fatto dopo il famosissimo spremiagrumi per esempio siano una parolaccia.

6) L'oggetto più inutile della storia? E quello senza cui non potreste vivere?

Imegadito: Di inutili ce ne sono una montagna. Di utili tutti quelli che hanno piu funzioni, anche questi sono molti.

7) Un desiderio che sperate di realizzare entro il 2010?

Imegadito: Se lo diciamo magari non si aVvera. Come dice Woody Allen “non sono superstizioso, ma non si sa mai!”.

Ringraziamo Zeljko e Gianmaria e Youngdesigner.it.

Imegadito

Imegadito
Imegadito
Imegadito
Imegadito
Imegadito

  • shares
  • Mail