Designerblog intervista Serena Bosone



Scenografa e designer, la giovane Serena ha creato la linea di gioielli e accessori in plexiglass, Binglabà.
Le sue splendide creazioni saranno esposte in questi giorni a Vicenza in occasione di Young Designer Home. Ma scopriamo un po' meglio chi è Serena:

1) Parlaci di te: percorso di studio e lavoro, obiettivi futuri.

Serena Bosone: tra il 1998 e il 2003 mi sono divisa tra gli studi di scenografia presso L’accademia delle Belle Arti di Brera e quelli di design industriale alla Nuova Accademia di Bele Arti-N.A.B.A.
Come scenografa ho lavorato alla realizzazione di numerosi videoclip ed eventi, collaborando con importanti case di produzione come Filmaster, Mercurio, K Eventse e marchi come Meschino, Guru, Campari.
Le conoscenze acquisite nel campo del design e della moda vengono concretizzate professionalmente con la creazione della linea di gioielli e accessori in plexiglass, Binglabà. La produzione, caratterizzata dall’alta qualità del lavoro artigianale e da approfonditi studi ergonomici varrà la successiva creazione di accesori in esclusiva per Madina e per Rifat Ozbek, stilista del marchio Pollini.
La produzione recente, oltre ad essere presentata ed utilizzata in numerosi servizi di moda per riviste di settore come D di Repubblica, Elle, Vogue, Vanity Fair … è stata selezionata ed esposta nella mostra itinerante Gioiello contemporaneo italiano ed inserita nel relativo catalogo edito da SKIRA.
Forte di un ricco bagaglio di esperienze e spinta da costante passione sono ora concentrata nella ricerca di nuove istanze estetiche e sulla scoperta di nuovi materiali.

2) Quali sono i tuoi punti di riferimento nel mondo del design?

Serena Bosone: Grazie al mio lavoro da aiuto scenografa mi sono appassionata molto a grossi
marchi produttori di lampade, mobili come Artemide, Danese, Flos, Fontanaarte,Terzani, woka, Desalto, Moroso, Cappellini, Kartell e Designer del tessuto come Deaignerguilt, Sandberg, Marimekko...

3) Come nascono i tuoi progetti e da dove prendi l'ispirazione per dar vita alle tue creazioni?

Serena Bosone:
Porto dentro di me i colori vibranti e struggenti delle tele di Gaugin. Appassionata di storia dell’arte, ritrovo quei colori nei miei numerosi viaggi per trasferirli nelle mie creazioni. Se l’ispirazione arriva da civiltà lontane e incontaminate e dalla ricerca della bellezza dei grandi pittori e pensatori del passato, la materia prima proviene dal futuro. Nell’ultima collezione Binglabangles queste evocative sfumature esplodono sul plexiglass trasformando un materiale sintetico e freddo in poetiche suggestioni. Frida Khalo, le donne giraffa della Birmania, il caleidoscopio cromatico della foresta amazzonica, le piume degli indios, le foglie a ombrello. Ma anche i bauli colmi di stoffe fiorite che viaggiavano a bordo delle navi inglesi verso le indie occidentali. Tutto questo, più un pizzico di fantasia, è Binglabangles.


4) Il progetto a cui sei più legata e perchè?

Serena bosone: Forse alla collana della collezione Giraffa, che vuole reinterpretare attraverso
un materiale moderno, con il solo intento ludico e non morale, un gioiello che e' il simbolo delle cosi' dette 'donne giraffa' dell'etnia Padang, incontrate in Myanmar. E' importante per me, perchè è il risultato della mia memoria e non di una tendenza.

5) Il designer più sopravvalutato della storia?

Serena Bosone: Fabio Novembre

6) L'oggetto più inutile della storia? E quello senza cui non potresti vivere?

Serena Bosone: Lo strappa ciglia (inutile), l'accendino (il piu' utile).

7) Un desiderio che speri di realizzare entro il 2010?

Serena Bosone
: Tempo libero per realizzare bozzetti di lampade, sedie e...

Ringraziamo Serena e Youngdesigner.it

Binglaba

Binglaba
Binglaba
Binglaba
Binglaba
Binglaba
Binglaba
Binglaba

  • shares
  • Mail