Germain, nel bistrot parigino la scultura è oversize

Il bistrot parigino Germain

Immaginatevi un ristorante a due piani che presenta uno strano elemento di continuità tra un livello e l'altro. Al piano di sotto, la parte bassa di un corpo di donna che prende le forme di una maxi scultura in giallo shocking, di sopra, il busto della stessa figura, sempre in dimensioni oversize.

E' questo l'elemento più divertente che caratterizza l'arredamento di Germain, il nuovo bistrot parigino della Rive Gauche subito trasformatosi nel nuovo ristorante cult della capitale francese. Ma, a dispetto dello stupore di questo intervento, sono molti gli elementi di continuità con l'arredamento tradizionale dei bistrot parigini. I pavimenti, infatti, sono rivestitti con piastrelle bianche e nere, mentre l'illuminazione non rinnega le lampade rotonde con diffusore in vetro opalino.

Non mancano altri classici, come poltrone anni '50 e Thonet nere, che crano un bel contrasto con mobili più recenti, come i contenitori in rosso laccato. Gli interiors sono firmati da India Mahdavi, architetto di origine iraniana da tempo di stanza in Francia.

Via | Yatzer

Il bistrot parigino Germain

Il bistrot parigino Germain
Il bistrot parigino Germain
Il bistrot parigino Germain

Il bistrot parigino Germain
Il bistrot parigino Germain

  • shares
  • Mail