Temporary.cc: il sito che si autodistrugge

Temporary.cc

Esperimento di quelli che fanno riflettere. Zach Gage, designer e media artist newyorkese, è anche uno dei principali sviluppatori di openFrameworks con cui genera applicazioni per iPhone (sono suoi Unify e lo splendido Synthpond).

Temporary.cc è il suo lavoro più recente, destinato a far discutere e a generare una serie di considerazioni sul web design e sulle interfacce, così come sulla temporaneità di ciò che è in rete e le conseguenze dell'interattività. Temporary è un sito che si autodistrugge ad ogni visita.

Vengono eliminate parti di codice che, quindi, causano una specie di 'collasso' della pagina. Perdono senso i fogli di stile, le immagini contenute, in un'atmosfera di disfacimento che finisce per creare un nuovo 'senso' a quello che risulta. Combattendo in qualche modo l'ansia da accesso, Temporary produce l'effetto inverso: più gente raggiungerà la url, più il sito è destinato a 'morire'. Un'idea semplicissima, ispirata ai lavori di Jonah Bruker-Cohen e alla net art. Dopo il salto, un video che spiega meglio l'operazione.

  • shares
  • Mail