Un open space per quattro

Un open space per quattro

In questo open space parigino, adattato dall'architetto Anne Geistdoerfer, vivono con la giusta individuale intimità 4 persone della stessa famiglia, grazie a soluzioni intelligenti di utilizzo dello spazio, che pur sfruttando divisioni e soppalchi, non contrastano di fatto con l'open space.

Tutto l'appartamento è caratterizzato da un pavimento in listoni di legno scuro, che esalta i toni chiari dell'arredo: la zona pranzo è caratterizzata da un tavolo bianco circondato da sedie in legno di Norman Cherner, mentre la lampada che illumina l'angolo è la Parentesi di Flos.

La zona conversazione è caratterizzata da un mobile nero realizzato su misura, che funge sia da armadio che da libreria; sotto al pannello colorato Central Park di Delphine Vincent, troviamo il divano Yama di Silvera Edition con i cuscini di Paola Navone per Gervasoni. Il tavolo in metallo è di Caravane; le sedie sono una tripolina nera e una Mini Panton Chair di Vitra.

In cucina regna il bianco, in contrasto con alcuni particolari di colore come il lavello il cui interno è rivestito in resina fuxia fluorescente; sempre in cucina troviamo un divanetto rivestito con un mix di stoffe, illuminato dall'ironica luce XXL di Fly. La parete delle scale è decorata con la tappezzeria dipinta in edizione limitata di Sentou.

Via | Home
Un open space per quattro Un open space per quattro Un open space per quattro Un open space per quattro Un open space per quattro Un open space per quattro

  • shares
  • Mail