DrySafeMarker: le polaroid disegnate e le giraffe

drysafemarker

Capita, a volte, di imbattersi in illustrazioni che fanno scattare una specie di cortocircuito nella testa. Non è un effetto legato alla tecnica, ma alla sensibilità e all'intelligenza che -attraverso le immagini- arrivano e ci colpiscono quasi a tradimento. Seguo da tempo DrySafeMarker e le sue Polaroid surreali, disegnate in modo essenziale e sbrigativo, riescono a colpirmi ogni volta.

Ho deciso di contattarlo, per farmi dire qualcosa in più. Alla mia mail, in inglese, è seguita in risposta la sua, in italiano. Gli ho chiesto di scrivere una bio, di dirmi come gli è venuta l'idea per questi bozzetti di non-sense con la cornice Polaroid disegnata a mano. Ecco cosa mi ha raccontato.

Mi chiamo Federico Adriani, sono nato a Malmö in Svezia nel 1969 e attualmente vivo e lavoro in Umbria (non in un casolare abbandonato) come architetto. Ho iniziato Drysafemarker perchè mi piace fare le foto, ma dimentico sempre la macchina fotografica. Per questo motivo ho iniziato a disegnare foto istantanee. Sono convinto che i colori della pellicola polaroid siano insuperabili di conseguenza uso esclusivamente questo genere di pellicola che ormai non si trova più e, quella che si trova, la compra mia moglie che la conserva gelosamente nel nostro frigorifero. Ormai per i toast non uso più le sottilette.

Sicuramente influenzato dal fatto che mia moglie ultimamente ha riempito il frigorifero.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: