Le sedie e le stoviglie "messe a nudo" da Karen Ryan

Whittle Chair

Alla designer inglese Karen Ryan piace rielaborare vecchi oggetti, assemblarli per ottenere nuove forme e nuovi significati, come nel caso della sedia in progress In The Woods, un assemblaggio di sedute scovate in giro per mercatini o abbandonate tra i rifiuti.

Ma a Karen Ryan piace ancor di più lavorare di sottrazione. Grattare via la superficie delle cose per lasciar intravedere l'anima "nuda" degli oggetti. E così è nata Second Hand, una serie di vecchie stoviglie di ceramica cinese da cui la designer ha rimosso la tipica decorazione blue china, lasciando in evidenza solo delle parole-simbolo che a suo giudizio raccontano il vissuto domestico.

Un altro lavoro di sottrazione è la sedia Whittle, rielaborata con una tecnica semplice e intuitiva: Karen Ryan ha iniziato infatti per gioco e quasi per caso a intagliare una vecchia sedia da buttare via, mentre guardava un vecchio film in bianco e nero con Bette Davis. Il risultato è una sedia spogliata, più fragile e naif, lasciata imperfetta, incompiuta, ma portata a nuova vita.

Via | Dezeen.com

Le sedie e le stoviglie
Whittle Chair Second Hand Second Hand

  • shares
  • Mail