La simmetria del doppio

Console
In questa casa di Perugia, i ritmi sono scanditi da arredi doppi, che disegnano simmetrie assolutamente regolari, ma anche un po' fuori dal comune.

Lo si vede chiaramente nella parete a fianco del divano: due opere fotografiche di Raffaella Della Olga, due sgabelli Barcelona di Mies van der Rohe per Knoll, due i vasi in rame e due le lampade Toio del 1962 create da Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Flos.

Spaziando con lo sguardo verso il resto dell'ambiente, ci sono due librerie di Giovanna Giannattasio, sospese su un pavimento in rovere con assi di varia misura. In mezzo alle librerie, i tavoli Tulip di Eero Saarinen per Knoll (sempre a coppia) all'occorrenza trasformano l'area in zona pranzo.

Nell'angolo studio, la simmetria del doppio viene parzialmente interrotta: accanto infatti alle consolle accostate, con base in ferro e piano in legno tinto, che continuano a comparire in coppia, è sistemata soltanto una poltroncina Mt1, progettata da Ron Arad per Driade nel 2005.

Via | AD
Console Vasi e lampade Libreria e tavolino Libreria e tavolino 2 Studio

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: