Italia Design_kit di Luca Somaini

1_Somaini_dimmer

Italia: Design_kit è un'iniziativa di designerblog, una serie di interviste, che si propone di creare una geografia del panorama del giovane design italiano, evidenziando quali sono le icone di riferimento della nuova generazione e le direzioni intraprese dalla nuova creatività. Il bello di questa mappa è che si autogenera ogni volta che un intervistato suggerisce il nome del suo successore.

L’ospite di oggi è l'industrial, graphic e interior designer Luca Somaini di Milano, invitato da Valentina Sedda.

Descrivi chi sei, cosa fai e come ti piace farlo.
Sono Luca Somaini titolare dello studio di industrial design Luca Somaini Design Studio e co-fondatore dello studio multidisciplinare STUDIO DYNAMIK con sede a Milano. Il mio obiettivo è spaziare in vari ambiti, infatti, fino ad ora, ho sviluppato progetti per il settore moda, comunicazione e design del prodotto. Sono da sempre alla ricerca di situazioni stimolanti, adoro, anzi amo le metropoli…anche se spesso, quando ho bisogno di trovare ispirazione mi rivolgo al mare e mi rifugio nella mia piccola casa alle 5 terre. In questi anni ho collaborato con designer come Kazuyo Komoda, Paola Navone, Marc Sadler, Studio Atelier Bellini, e studi di architettura come Pierandrei Associati, Degli Esposti Architetti, Ar.En Studio Architectural and Engineering Solution. Da circa 4 anni mi occupo di graphic design, industrial design e interior design. DESIG?DESIGN?DESIGN?…Il design è il frutto dei pensieri e dei sogni della mente umana. Fare design è assimilabile a comporre musica, un susseguirsi di piccoli dettagli “note” per arrivare ad una composizione organica e di corretta lettura, organizzata. A differenza della musica, dove si compongono melodie e suoni, nel design si generano immagini e oggetti tridimensionali provenienti dalla fantasia e contaminati dalla propria cultura e dalle proprie esperienze, che andranno ad invadere il nostro spazio e la nostra vita. Quindi fare design è un compito importante è una missione da affrontare con molta diligenza.

Parlaci di un’esperienza che ha influenzato in modo particolare lo stile e l’anima del tuo lavoro.
Sono innumerevoli le esperienze che mi hanno influenzato e che tuttora mi influenzano, una di queste sono stati i viaggi di lavoro a Shanghai, dove ho avuto la possibilità di curare l’immagine coordinata di due nuovi marchi di moda donna con punti vendita in Italia: Connie Chen e DellaMela.

Presentaci il tuo progetto più interessante, quello a cui tieni di più, quello che più ti rappresenta.
Sono sicuramente molto affezionato al mio primo prodotto di industrial design entrato nel mercato, Astra chair, una seduta modulare che, grazie alla sua forma, permette la generazione di due diverse configurazioni. L’obiettivo era risparmiare sui costi di stampo e generare un forte impatto visivo, un’immediata riconoscibilità … è nata Astra chair disegnata per Slide e realizzata in stampaggio rotazionale.

Progetti per il futuro.
Attualmente sto terminando la progettazione d’interni di alcune residenze private a Milano e sono in attesa di ricevere una piacevolissima e super sudata proposta di direzione artistica per un nuovo centro fitness & food di Milano della superficie di 2700 mq. INCROCIO LE DITA!!!

Qual'è il tuo ‘superpotere’ per far fronte ai momenti di difficoltà.
Non ho assolutamente dei superpoteri…. sono per i supereroi e io sono un essere umano! I momenti di difficoltà li ho superati dandomi da fare, sudando sette camicie per arrivare all’obiettivo! Chissà quanti altri ne dovrò superare…ma…… sono pronto!!!

Raccontaci per quale icona del design faresti follie.
In assoluto Vico Magistretti, Achille e Piergiacomo Castiglioni.

Quale consiglio daresti ad un giovane designer alle prime armi.
Prima di poter dare dei consigli a qualcuno devo fare sicuramente ancora molta esperienza…ma, una cosa posso suggerirla, di stare molto attenti al diritto industriale e al diritto intellettuale che gravano sui prodotti….La mia speranza, per i prossimi figli del Politecnico di Milano, è che la facoltà inserisca nel piano di studi le materie di diritto industriale e intellettuale… Sono materie molto importanti, alle quali nessun designer dovrebbe rinunciare!

Who’s next?
Il designer di oggi ha scelto per noi l’ospite misterioso della prossima intervista. Prossimamente su designerblog.

Italia Design_kit di Luca Somaini
1_Somaini_dimmer 2_Somaini_OVOLIGHT 3_Somaini_astra1
4_Somaini_astra2 5_Somaini_MOUSECUP 6_Somaini_voria

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: