Bondo, i sofà modulari di INNO

Bondo Sofà

Il nome Bondo fa riferimento a una tribù indiana che lotta per non scomparire e poter mantenere la propria identità. Il designer finlandese Harri Korhonen ha scelto questo nome per la nuova serie di sedute modulari prodotte per il marchio INNO, da lui fondato nel 1975.

A ben vedere le linee essenziali e i colori minimali di questa serie di sofà poco hanno a che vedere con l'India e la sua estetica ricca di dettagli e rifiniture. I sofà Bondo però, come l'omonima tribù, basano la loro essenza proprio su un'identità forte, capace di donare carattere a una stanza. Naturalmente Bondo è anche un gioco di parole con la parola bond, legame.

Gli elementi che compongono un salotto Bondo infatti possono essere legati insieme secondo diversi criteri, creando ambienti dinamici, sedute studiate per differenti occasioni, riunioni di amici, conversazioni, tête-à-tête. Inoltre, grazie alla loro struttura non ingombrante, permettono di formare angoli o linee curve, piccoli punti intimi e raccolti o circoli ariosi, adattandosi agli spazi diversi di ogni casa.

Via | Contemporist

  • shares
  • Mail