House in the Clouds, il serbatoio che diventa casa

House in the Clouds

Nella campagna inglese, un luogo ameno tra pecore e roseti. Forse non proprio adatto a chi soffre di vertigini.

Stiamo parlando di House in the Clouds, un vecchio serbatoio dell'acqua mutuato in abitazione nel corso degli anni '20. Curiosa la storia della sua trasformazione: gli abitanti della vicina cittadina di Thorpeness, che non gradivano l'aspetto minaccioso della struttura, si rivolsero all'architetto Frederick Forbes Glennie chiedendogli un'operazione di camouflage. Da lontano, l'edificio si sarebbe dovuto mimetizzare nel paesaggio, riprendendo gli stilemi tipici delle abitazioni del luogo. Indicazioni prese alla lettera dal progettista, a dispetto delle dimensioni fuori misura.

Oggi, House in the Clouds è suddivisa in cinque diversi appartamenti, disponibili per brevi soggiorni. Gli arredi, tutti originali, permettono di osservare da vicino un autentico stile country british. Sulla "vetta", una grande sala allestita con tavoli da gioco a disposizione di tutti gli ospiti.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: