Philippe Starck presenta la bicicletta disegnata con Peugeot Cicles

Durante la seconda edizione della manifestazione Cyclab, un evento incentrato su temi ambientali e sviluppo di città sostenibili, i cittadini di Bordeaux sono stati invitati a progettare un "Urban perfetto" scrivendo le loro idee sul sito del Comune. Migliaia di commenti, idee e riflessioni hanno aiutato così il designer Philippe Starck ha progettare PIBAL, uno scooter, bicicletta e monopattino.

"Questa è l'analisi delle risposte dei cittadini di Bordeaux, le risposte numerose, diverse, intelligenti e costruttive e specificità di Bordeaux che fa parte della nuova idea di questo mezzo di locomozione. Questo nuovo ergonomico sembra inventiva e solo una risposta alle domande poste da nuove aree pedonali." spiega Philippe Starck

Quali sono le caratteristiche di questo nuovo mezzo? 2 velocità, struttura in alluminio rivestita con una vernice satinata, pneumatici fluorescenti, cesto posteriore, illuminazione integrata, parafanghi, cavalletto, una mappa stilizzata della città incisa sulla piattaforma centrale, pedali standard, peso 16 kg.

E il costo? Si dovrebbe aggirare intorno ai 420 euro. Un prezzo ragionevole, non tutti però in Francia la pensano come me!
Onore al progettista che ha lavorato gratuitamente e alla Peugeot che sostiene di aver rinunciato al suo margine di guadagno per l'assemblaggio del mezzo.

Parliamo ora del design di questo buffo veicolo. Quando Philippe Starck mette il suo genio e la sua matita all'opera , il mondo si aspetta qualcosa di bello, innovativo ed elegante. Alla presentazione del prototipo però Starck, a sorpresa, ha dovuto interrompere il flusso delle critiche per il suo prodotto, dichiarando:

"Non è fatta per essere bella, è un animale che svolge un servizio, è un Percheron (robusto cavallo da tiro francese), è rustica, contadina."

Starck ha sottolineato che due erano le scelte, o progettare un veicolo bello, di moda ma non utile allo scopo, oppure svolgere un vero e proprio servizio pubblico per aiutare la città.

"Mi sono reso conto che il più grande cambiamento nelle città sono le zone pedonali con la loro nuova ergonomia urbana. Così l'innovazione su questa moto è la sua molteplice funzionalità....funziona molto bene, ho provato."

Adesso spetta a voi giudicare, in fondo come è che si dice...non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace!

VIA SUDOUESR

  • shares
  • Mail