Italia: Design_kit di Francesca Cester

cester 1

Italia: Design_kit è una nuova iniziativa di designerblog, una serie di interviste, che si propone di creare una geografia del panorama del giovane design italiano, evidenziando quali sono le icone di riferimento della nuova generazione e le direzioni intraprese dalla nuova creatività. Il bello di questa mappa è che si autogenererà. Ogni intervistato infatti farà il nome del suo successore.

L’ospite di oggi è L'Archietto e Designer Francesca Cester, invitata da Valentina Downey.

Descrivi chi sei, cosa fai e come ti piace farlo.
Sono una designer e un architetto e mi piace lavorare al macro progetto architettonico quanto al progetto dimensionalmente più contenuto ma non meno complesso dell’industrial design. Mi da molta soddisfazione analizzare e seguire gli aspetti tecnici e i meccanismi che trasformano l'uso di certi prodotti. Ogni progetto è una nuova sfida a rileggerlo ed interpretarlo, per capire se c’è qualcosa che ancora nasconde un obbiettivo.

Parlaci di un’esperienza che ha influenzato in modo particolare lo stile e l’anima del tuo lavoro.
L’esperienza che forse ha più influenzato il mio lavoro è stato iniziare a scolpire e modellare, quindi la mia formazione artistica, l’approccio tattile agli oggetti e il tempo di riflessione che richiede lo studio di una forma per ottenere una scultura figurativa, per riuscire a leggere all’interno della forma l’oggetto imprigionato. Penso che un po’ tutti i progetti, sia architettonici che di design mi rappresentino. Uno tra questi, per me particolarmente significativo, è la scopa elettrica Tabata realizzata per De’ Longhi, perché racchiude in se anche un connotato di innovazione tecnica brevettuale che ha rappresentato una avvincente sfida. L’idea di Tabata è nata dalla possibilità di fornire all’utente un sistema di pulizia maneggevole, leggero (modalità assolta già dalla consueta scopa elettrica) e al contempo multifunzionale, flessibile e versatile. Sistema che avesse al suo interno più approcci di pulizia e portasse con sé gli accessori che tali tipi di pulizia richiedono: quindi dall’aspirapolvere portatile per la macchina o per i piani di lavoro, alla prolunga con doppia inclinazione per pulire sopra ai mobili, dalla maneggevolezza della scopa elettrica con motore basso alla prolunga per raggiungere gli spazi più angusti. La semplicità d’uso nel trasformarla mi ha portato poi a ideare delle soluzioni tecniche come la forcella di rotazione o la pompa a molla di sblocco. Il materiale (termoplastico riciclabile, ABS e alluminio- stampo ad iniezione) e il design sono stati scelti per entrare in sintonia con l’innovazione tecnologica che questo prodotto porta con sé.

Qual'è il tuo ‘superpotere’ per far fronte ai momenti di difficoltà.
Nei momenti di difficoltà cerco di liberare la mente da tutte le influenze esterne e di lasciare che l’idea fluisca liberamente e di solito funziona! Rileggere l’oggetto e lo spazio come se fosse una situazione nuova mai affrontata e studiata, tutto ciò mi aiuta a liberare la mentre da preconcetti, pregiudizi o scappatoie date dall’esperienza. Lo so può sembrare un paradosso, ma la conoscenza delle metodologie di stampaggio delle linee di produzione e dei processi produttivi, a volte è una trappola che può precludere certe scelte o certe soluzioni, magari più complesse da progettare ma notevolmente più innovative. Solo dopo, nello sviluppo dell’idea, subentra la conoscenza del tessuto socioeconomico e del contesto nella quale nasce, c’è il tempo per strutturarla , renderla producibile e ottimizzarla anche dal punto di vista economico.

Raccontaci per quale icona del design faresti follie.
Adoro Fjord la seduta di Moroso progettata da Patricia Urquiola.

Quale consiglio daresti ad un giovane designer alle prime armi.
Ad un giovane designer alle prime armi consiglierei di studiare, curiosare e fare esperienza, in uno studio o un’azienda che possano trasmettergli delle conoscenze pratiche efficaci, anche all’estero per aprire la mente.

Who’s next?
Il designer di oggi ha scelto per noi l’ospite misterioso della prossima intervista. Prossimamente su designerblog.

Design_kit di Francesca Cester
cester 1 cester 2 cester 3

  • shares
  • Mail