Design sostenibile in mostra al concorso internazionale California Dream Week

Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-locandina

Già da qualche giorno è iniziata la terza edizione del California Dream Week, importante concorso no-profit che coinvolge i giovani studenti californiani con l'intento di sviluppare idee di design, innovative e ecosostenibili. Concorso all’insegna del rispetto per l’ambiente e natura che unisce, nel sogno di un futuro sostenibile, giovani promesse americane a importanti architetti e designer. Le idee e i sogni dei vincitori vengono infatti reinterpreti e trasformati in progetti reali, innovativi e stimolanti.

Il festival si svolge nella città di Chico, e nessun luogo poteva essere più idoneo, visto che la cittadina è designata come una “Tree City USA" dalla Arbor Day Foundation da ben 26 anni. Una location all’insegna della natura per un’esperienza che dalla natura trae ispirazione e forza.


Il concorso per giovani talenti che sognano un futuro sostenibile

Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-locandina
Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Matthew-Hutter-Butterfly-House
Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Brian Garrett-Butterfly-Stool
Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Brian Garrett-Butterfly-Stool-chiuso

Nella prima edizione il progetto vincitore della sezione architettura e design è stato quello del giovane diciassettene Matthew Hutter, Butterfly Roof Concept Vacation House. Una casa la cui struttura è in acciaio riciclato e le facciate in vetro stratificato capace di garantire una ottima resistenza e una elevata trasparenza. Elemento distintivo del progetto è il tetto rivestito da pannelli solari che, con la sua forma a farfalla, consente di massimizzare la ricezione di energia solare. E proprio la forma del tetto che ha ispirato il progetto dal designer olandese Brian Garrett, dove la “V” del tetto diventa il presupposto per rendere pieghevole il suo Butterfly Stool.

L'anno scorso il premio è stato assegnato a Cristina Calva il cui progetto si ispirava al nido delle rondini, robusto, caldo e accogliente. Nasce così la casa nido. Una struttura a due piani in argilla con il tetto in vetro. Una casa che non solo è sostenibile, visti i materiale organici e riciclati, ma anche bella e accogliente grazie ai suoi toni naturali. Il designer italiano Roberto Paoli riprende l'idea di famiglia, natura e fuoco nel suo progetto di tavolo-caminetto. Un ripiano in vetro che riprende l'idea del tetto, un sostegno che è al contempo camino e canna fumaria. Concepito per essere posizionato al centro della casa è in vetro riciclabile ha una combustione pulita che impiega etanolo denaturato, senza fumo e senza emissioni.

Sono molto curiosa di vedere quale sarà il progetto vincitore di quest'anno ma soprattutto come verrà rivisitato!

Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Cristina-Calva-casa-nido
Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Roberto-Paoli-tavolo-camino
Il-concorso-per-giovani-talenti-che-sognano-un-futuro-sostenibile-progetto-Roberto-Paoli-tavolo-camino-2

VIA professione Architetto

  • shares
  • Mail