"Olivetti: una bella società", in mostra a Torino, capitale del design 2008



Chi, tra gli aspiranti scrittori o giornalisti, non ha mai desiderato utilizzare, almeno una volta nella vita, la mitica macchina da scrivere rosso fiammante della Olivetti?

"Valentine" è di certo un vero e proprio cult del design italiano e simbolo di una grande azienda che ha saputo interpretare al meglio l’essenza positiva e ottimista dell’industria ponendosi come motore e modello per la crescita e lo sviluppo, anche culturale, della società.

Così, a Torino, capitale del design 2008, si terrà una mostra dedicata alla storia di questa grande azienda: presso la Società Promotrice delle Belle Arti in Viale Balsamo Crivelli 11, dal 16 maggio al 27 luglio, si potrà visitare "Olivetti: una bella società".

Curata da Enrico Morteo e Manolo De Giorgi, la mostra porta in scena più di 800 oggetti e racconta la storia di Olivetti, dall'anno della sua fondazione fondata nel 1908 fino ai nostri giorni, delineando quelle che sono state le scelte etiche, la morale sociale, il design, l’organizzazione industriale, le strategie di comunicazione, le prospettive politiche, il ruolo degli intellettuali, il valore dell’arte, la ricerca tecnologica, l’elaborazione di nuovi linguaggi ed il fine ultimo della Comunità.
Una mostra che racconta un po' della storia italiana, per non dimenticare il percorso svolto fino ad oggi, imparando magari dagli errori del passato per costruire nuove storie, ancora così belle e coinvolgenti.

Via | design-italia.it

  • shares
  • Mail