Le ceramiche di Bitossi ispirate alla serie di Fibonacci al Maison&Objet 2013

Bitossi Ceramiche

Se volete una serie di vasi originali e di tendenza, allora che ne dite di dare un'occhiata a questa proposta di Bitossi, azienda famosa in tutto il mondo per le sue ceramiche, che ci presenta una serie di creazioni davvero particolari, anche perché si ispirano ad un celebre rompicapo, reso famoso anche da libri e film di grande successo.

L'azienda Bitossi Ceramiche presenta, infatti, una serie di vasi che le ha permesso di vincere uno dei 19 Compassi d'Oro messi in palio nel 2011. Su design del bravissimo Brian Sironi, ecco una collezione di piatti che si ispira alla serie di numeri del celebre Fibonacci, un matematico di Pisa del XIII secolo. Davvero una fonte di ispirazione particolare per dei contenitori!

La collezione trae il nome proprio dal famoso matematico italiano: la linea di ceramiche Fibonacci si compone da elementi formati da anelli che crescono in altezza, seguendo proprio il modello numerico di Fibonacci, nel quale il numero seguente è pari alla somma dei due numeri che lo precedono.

La collezione si compone di contenitore-vaso e contenitori-fiori che seguono questo principio, per assecondare un'armonia che proviene dalla natura, in creazioni davvero molto semplici ed essenziali. Le linee orizzontali che separano i vari elementi sono state realizzate con un processo di tornitura artigianale.

La collezione Fibonacci si compone di due vasi cilindrici e un bolo cilindrico, torniti ed incisi a mano, disponibili sia in grigio sia in marrone, con nuance ottenute da pigmenti colorati mischiati con l'argilla e applicate rigorosamente a mano e spugnate ad acqua per le sfumature. Le ceramiche sono poi state spruzzate con cristallina trasparente matt.

Uno stile davvero particolare per una collezione di vasi originale e dall'armonia naturale.
Via | Design.Lulop

Bitossi Ceramiche serie di Fibonacci

Bitossi Ceramiche serie di Fibonacci
Bitossi Ceramiche piatti
Bitossi Ceramiche servizio
Bitossi Ceramiche piatti bianchi

  • shares
  • Mail