Hunger Delivery, quando il design combatte la fame nel mondo

Hunger Delivery \ Food Bank Foundation from TBWA\ONIRIA on Vimeo.

Avreste mai detto che il design possa aiutare nel combattere la fame nel mondo? Specie in passato ci si è interrogati sul ruolo della grafica, a volte esplicitamente politico, altre con uno spiccato senso civico, e spesso indifferente a problematiche più ampie. Hunger Delivery è una delle risposte più concrete ed efficaci alla domanda di eticità, pur rimanendo nell'ambito della comunicazione.

La Fundación Banco de Alimentos deve aver fatto una buona commissione all'agenzia di comunicazione Oniria\TBWA di Asunción, Paraguay, se questi sono riusciti a pensare una campagna che puntasse dritto allo stomaco. E non è un modo di dire, ma è proprio alla pancia che hanno parlato, essendo la fame una delle argomentazioni con cui l'Occidente non vuole fare i conti.

La soluzione comunicativa quindi è stata la seguente: per sensibilizzare le persone gli si è fatto provare ciò che tutti i giorni provano milioni di persone. L'agenzia di comunicazione, d'accordo con le due principali pizzerie di Asunción, ha fatto sì che a ordine telefonico ricevuto le pizze venissero consegnate con ampio ritardo, dopo le lamentele dei clienti, e solo dopo recapitate. Alla porta ovviamente la fame e la rabbia erano tante, ma il cartone della pizza ha fatto il resto.

Sopra vi si poteva leggere Solo se hai fame puoi capire l’affamato. La tua cena ha tardato ad arrivare, ma a molti altri non arriva proprio. E come se non bastasse la pizza era anche gratis, pur però chiedendo un'offerta per sostenere la causa del Banco Alimentare locale. Di fronte a questa potenza comunicativa sfido chiunque a mantenersi in collera, a non riflettere sull'annosa questione, e a non contribuire.

I risultati infatti non sono tardati ad arrivare, e la campagna ha fatto il giro del mondo, sensibilizzando e riscuotendo fondi per rimediare alla piaga della fame, quella vera.

Tutto ciò è chiamato Sensible Branding, simile all'Ambient Advertising. La differenza è nella scelta degli spazi, poiché se nel secondo caso sono genericamente interessanti e non rivolti a un target specifico, nel primo sono mirati e coerenti al messaggio da diffondere. Ulteriore perla di questa campagna è stata poi la vera e propria creazione di una situazione, in cui la risoluzione si è inserita con un doppio valore, simbolico e concreto.

  • shares
  • Mail