Salone del Mobile 2016 Milano: intervista a Knud Erik Hansen, Ceo di Carl Hansen & Søn

In occasione della Milano Design Week 2016, Designerblog ha incontrato ed intervistato Knud Erik Hansen, Ceo di Carl Hansen & Søn. Leggi l'intervista esclusiva su Designerblog

chs_bredgade_56579.jpg

In occasione della Milano Design Week 2016, Designerblog ha incontrato ed intervistato Knud Erik Hansen, Ceo di Carl Hansen & Søn. Tra le novità che l'azienda presenta al Salone del Mobile 2016 ci sono CH22 e CH 26, Woodlines Collection, Embrace Series, Metropolitan Chair, Student Desk e Professor Desk.

Carl Hansen & Søn è rinomato come il più grande produttore al mondo di mobili disegnati da Hans J. Wegner, potrebbe dirci qualcosa sulla storia dell'azienda?

"Carl Hansen & Son ha 108 anni. L'azienda è una società a conduzione familiare e l'attuale proprietario - Knud Erik Hansen - fa parte della terza generazione. Carl Hansen ha l'obiettivo di realizzare mobili di alta qualità ad un prezzo decente. In questo modo Carl Hansen credeva che i clienti tornassero da lui per acquistare più prodotti - sia per essere stati trattati bene e soprattutto dopo aver fatto un buon affare. La società è ancora gestita allo stesso modo, per cui i prodotti Carl Hansen & Son sono disponibili a prezzi accessibili nonostante l'altissima qualità. Un altro fattore importante nella produzione è l'Artigianato. Nel corso degli anni Carl Hansen & Son ha lavorato solo con lavoratori qualificati e quasi esclusivamente legno danese viene utilizzato nella produzione di oggi. Le foreste danesi sono coltivate come un contadino coltiva il suo grano. La Danimarca ha una cultura della foresta che risale al 1807 e gli alberi sono ancora oggi tra i più adatti per la produzione di alta qualità. C'è una legge in Danimarca poi che regola le foreste - perché si è in grado di tagliare un albero solo se se ne pianta una nuova. La Danimarca ha molti grandi foreste di qualità molto elevata. Anche la coscienza ambientale ha una priorità molto alta. Utilizzando solo il legno, filati di carta, lana e pelle per la produzione di mobili, Carl Hansen & Son soddisfano tutti i requisiti ambientali di oggi. Tutto il metallo utilizzato è acciaio e viene utilizzato solo in zone dove può essere visto. Il resto dei mobili è fatto da solo legno lavorato artigianalmente."

Un breve riassunto della vostra storia...

"Carl Hansen & Son nasce nel 1908, quando l'ebanista Carl Hansen allestì un piccolo laboratorio di mobili. Lui ha visto subito il potenziale della produzione in serie e nel 1915 fu in grado di aprire una fabbrica in grado di produrre una piccola serie di mobili. A causa di una malattia cardiaca Carl Hansen ha lasciato la gestione delle attività a suo figlio di 23 anni Holger Hansen nel 1934. Negli anni successivi, la società ha ampliato le sue attività, aprendo la strada per raggiungere un mercato più grande - una visione ambiziosa che in seguito sarebbe stata pienamente realizzata e raffinata. Avendo seguito da vicino sin dall'inizio la carriera di Wegner, Holger ha ritenuto che il giovane designer di mobili sarebbe stato il partner ideale per collaborare ad una collezione di mobili con Carl Hansen & Son. Nel 1949, Holger organizza un incontro con Wegner, in quanto una collaborazione con Carl Hansen & Son gli avrebbe permesso di raggiungere un pubblico ancora più vasto. La prospettiva suscitò l'interesse di Wegner - forse perché il focus era su una sedia di design - e i due uomini si misero d'accordo che Wegner avrebbe presentato alcune proposte per un paio di sedie, due di queste la ​​CH24 e la CH25 sono entrate in già da allora. Dopo la scomparsa improvvisa di Holger nel 1962, la sua vedova, Ella Hansen, ha mantenuto il controllo dell'azienda di famiglia, assicurando il suo continuo successo. Il figlio maggiore della coppia, Jørgen Gerner, è entrato in azienda, assumendo il controllo nel 1988. Nel 2002, il figlio minore della coppia, Knud Erik Hansen, ha assunto il ruolo di amministratore delegato. Da allora, l'azienda a gestione familiare ha notevolmente ampliato la sua proiezione internazionale, e Carl Hansen & Son è diventato il più grande produttore al mondo di mobili disegnati da Wegner. Knud Erik è impegnato a mantenere e condividere il design senza eguali di Wegner sulla scena del design internazionale. Carl Hansen & Son lavora a stretto contatto con lo Studio Hans J. Wegner, che con una mano sapiente assicura che i disegni di Wegner vengano ricreati o modificati con il massimo rispetto per i disegni originali di Wegner e la filosofia del suo design. Dal 1908 ad oggi, la passione per l'artigianato di qualità è stata l'ispirazione guida per Carl Hansen & Son - radicata nella convinzione che l'eccezionale fattura e la produzione riflessiva possano andare di pari passo. Da più di un secolo, la società è una combinazione di valori artigianali classici e moderne tecnologie. Il risultato è una collezione di mobili creata da uno dei più grandi designer di mobili del 20° secolo della Danimarca, dove ogni pezzo racconta una storia unica."

Quali sono le nuove collezioni o prodotti che presentate durante la Design Week di Milano?

"Presenteremo opere di Hans J. Wegner, Poul Kjærholm, Ejner Larsen & Aksel Bender Madsen, Naja Utzon Popov e EOOS. Inoltre, rafforzeremo la nostra presenza a Milano con un nuovo e più grande showroom nel quartiere storico tra il Castello Sforzesco e il quartiere di Brera. Lo showroom occupa l'intero piano terra di un edificio splendidamente ristrutturato del 1884 e offre il meglio dei classici mobili artigianali di Hans J. Wegner, Ole Wanscher, Frits Henningen, Poul Kjærholm, Kaare Klint e altri."

Nello scenario attuale, come pensa che la creatività e il commercio possono andare d'accordo?

"Credo che la creatività e il commercio vadano di pari passo. Senza la creatività non avremmo nuovi prodotti da offrire. Oggi si vedono troppi architetti, produttori e commercianti che copiano ovunque, non hanno l'istinto del business e non prova alcuna soddisfazione nel produrre prodotti din copia. E' solo il denaro che spinge queste persone. Pertanto, il risultato dei loro sforzi per fare del business non è autentica. I loro prodotti non presentano alcuna forma di passione o di rispetto per gli acquirenti, che si aspettano un prodotto di qualità con un tocco di passione. Architetti come Hans J. Wegner, Kaare Klint, Ole Wanscher, Jørgen Utzon, Poul Kjaerholm, Tadao Ando, ​​Bjarke Ingels e, naturalmente, molti altri a livello internazionale - in possesso di questa passione e creatività possono creare qualcosa che il mondo non ha mai visto prima."

Oggi una delle principali sfide per le aziende è la sostenibilità. Secondo lei quanto questo aspetto viene preso in considerazione dalla vostra azienda?

"La sostenibilità è una parte naturale della nostra attività e lo è sempre stato. Tutti i prodotti che produciamo in Danimarca sono quasi tutti prodotti in legno provenienti da foreste danesi. Dal 1807, quando il re di Danimarca ha approvato una legge che vieta di tagliare un albero a meno che non se ne pianti uno nuovo. Abbiamo bisogno degli alberi per la nostra produzione, perciò le foreste danese sono composte da alberi ad alto fusto dritto che sono state coltivate ​​dal momento in cui sono state piantate fino a quando vengono abbattute. Spesso gli alberi hanno più di 200 anni di età, quando li tagliamo e li usano per la fabbricazione di mobili Carl Hansen & Son. In realtà le foreste danesi crescono di anno in anno. Questa è la vera sostenibilità nella mia mente. I nostri mobili sono quasi tutti a base di tipi di legno danesi e anche i sedili si intrecciano con punture in carta. In tutto ciò che facciamo siamo consapevoli dell'ambiente. L'intera produzione di rifiuti vengono raccolti in grandi vasche e utilizzati per il riscaldamento, i rifiuti vengono poi bruciati nel grande bruciatore ad alta efficienza che brucia i rifiuti a temperature così alte che nessun CO2 emerge dal processo. Il bruciatore fornisce tutto il riscaldamento per tutto l'anno. Pertanto tutto il materiale che viene consegnato dalla pianta è utilizzato nella produzione e per altri scopi ecologicamente puliti."

Qualità è sinonimo di longevità?

"Sì, è parte dell'intero prodotto. Quando le persone acquistano un mobile da Carl Hansen & Son è importante per noi che il prodotto sia impeccabile sia per il materiale utilizzato che nell'intera costruzione del prodotto. È importante per noi che le parti che non si possono vedere ad esempio l'interno di una poltrona o di un divano imbottito abbiano lo stesso materiale utilizzato e della stessa qualità come le parti a vista.

Parlando di elevata qualità del design per esempio non è sufficiente che la sedia sia bella da guardare, deve essere anche comoda per sedersi. Gli architetti che progettano mobili per Carl Hansen & Son sono tutti a conoscenza di questi elementi importanti e prima di mettere un progetto in produzione l'intero aspetto qualitativo è giudicato in azienda e approvato. Se si trovano eventuali guasti nel prodotto queste parti vengono corrette prima dell'inizio della produzione."

Ci segnala un giovane designer da tenere d'occhio?

"Anche se è morto da molti anni - il suo talento è stato grossolanamente sottovalutato. Era molto creativo e ha progettato alcuni prodotti fantastici. L'architetto era Ole Wanscher. Carl Hansen & Son ha recentemente acquisito la P. J. Mobili che era in possesso dei diritti per la produzione e la vendita dei mobili Ole Wanscher. Carl Hansen & Son ha preso un certo numero di disegni di Ole Wanscher disegni e ora realizziamo i suoi prodotti ogni giorno."

Un "maestro" da non dimenticare?

"Per me Kaare Klint, che visse dal 1888 al 1954. Kaare Klint era il padre di quello che è oggi conosciuto come il moderno design danese. Egli fu il primo architetto a semplificare alcuni dei prodotti che in precedenza venivano già venduti molto bene e la loro ri-produzione come prodotti completamente nuovi. Aveva opinioni severe, per esempio per quanto riguarda le misure e gli angoli con cui una sedia dovrebbe essere costruita. Molti degli allievi di Kaare Klint sono oggi eccellenti designer come Arne Jacobsen, Poul Kjaerholm, Borge Mogensen, Frits Henningsen."

Come a suo avviso social network e blog stanno cambiando il design?

"I blog sono uno dei tanti modi di comunicare. Ogni modo di lanciare un parere guadagnerà seguaci e quindi potrà avere una certa influenza sul futuro del design. Più esperto e serio è un blog, più seguaci avrà!"

Come vede il futuro del design?

"Vedo il futuro del design come lo è stato negli ultimi 60/70 anni. Un mondo di cambiamenti che seguono lo sviluppo tecnologico."

  • shares
  • Mail