esterni 20 anni: il libro "Milano? La città di esterni, dal 1995" e un party aperto al pubblico

Dalle 17.00 a mezzanotte, da un posto a Milano, il ristorante di Cascina Cuccagna, si festeggeranno i primi 20 anni di esterni, l'impresa culturale per antonomasia a Milano che, dal 1995, progetta spazi pubblici, disegna servizi per piccole e grandi comunità e realizza eventi di aggregazione

cover-libro-1.jpg

Dalle 17.00 a mezzanotte, da un posto a Milano, il ristorante di Cascina Cuccagna, si festeggeranno i primi 20 anni di esterni, l'impresa culturale per antonomasia a Milano che, dal 1995, progetta spazi pubblici, disegna servizi per piccole e grandi comunità e realizza eventi di aggregazione e che, proprio la scorsa settimana, è stata premiata dal Comune di Milano con l’Ambrogino d’Oro.

Il programma prevede, a partire dalle 17.00, la presentazione del libro Milano? La città di esterni, dal 1995 (esterni). A seguire un party aperto al pubblico per festeggiare quelli che gli autori considerano: “i primi venti anni di pratica utopica e rivoluzionaria negli spazi pubblici di Milano, in Italia e in altre città d’Europa”.

Il libro, in italiano e in inglese, si struttura come una guida turistica della città di Milano, raccontata con un tono ironico e leggero. Le oltre 400 pagine sono organizzate in 26 sezioni tematiche (dove alloggiare, come orientarsi, come spostarsi, dove mangiare, dove bere, dove far festa, arte e musei...) che, nella finzione narrativa, ripropongono tutti i progetti realizzati da esterni in venti anni, come se fossero accaduti tutti contemporaneamente. “Il libro - come aggiungono gli autori - è uno strumento per ripercorrere la storia dell’associazione culturale milanese e, nello stesso tempo, un percorso nelle città “possibili” di esterni, le metropoli oggetto-progetto di cultura e comunicazione. Una guida (che non è una guida) per una città diversa: spazi pubblici e interessi comuni. I mille luoghi di una città immaginata e fortemente voluta. Milano?”.

Ad ospitare i festeggiamenti sarà la Cascina Cuccagna, una delle perle che, grazie all’impegno e alla creatività di esterni, è tornata a essere un punto di riferimento, architettonico, sociale e culturale, sia per gli abitanti del quartiere e i milanesi in generale che per i numerosi turisti che ogni anno transitano per il capoluogo lombardo. Un progetto che, nel corso degli anni, è cresciuto dando vita a numerose attività collaterali come, ad esempio, “un posto a Milano”, il bar ristorante all’interno della cascina, frequentatissimo sia a pranzo o per l’aperitivo che per cena o per eventi. O come l’ultima nata in casa esterni, la Foresteria, un ostello perfettamente integrato nell’architettura della struttura, in grado di ospitare fino a 16 persone, nell’oasi urbana della Cascina Cuccagna. Senza dimenticare infine, solo per citarne alcuni, i progetti dal respiro internazionale come il Milano Film Festival, Audiovisiva o il Public Design Festival e molti altri ancora, che hanno fatto diventare, senza ombra di dubbio, Milano la città di esterni.

  • shares
  • Mail