Reciprocity Design Liège 2015, terminata la seconda edizione della Triennale internazionale di design & innovazione sociale

E' da poco terminata la Reciprocity Design Liège 2015, la seconda edizione della Triennale internazionale di design & innovazione sociale. Ecco come è andata.

E' da poco terminata la Reciprocity Design Liège 2015, la seconda edizione della Triennale Internazionale di design & innovazione sociale, che si è svolta a Liegi, in Belgio, dal primo ottobre al primo novembre 2015. Nel corso di un mese si sono tenuti moltissimi workshop e diverse mostre e conferenze, rigorosamente aperte al pubblico e gratuite. Liegi e la sua provincia sono stati animati da una serie di eventi assolutamente imperdibili.

I diversi appuntamenti, che si sono svolti in città e nella sua provincia, hanno messo in evidenza i quartieri principali di Liegi, così come le partnership con molte organizzazioni del Belgio e dell'Euregio hanno permesso di dare ai visitatori un calendario ricco con più di 55 iniziative legate al mondo del design e dell'innovazione sociale.

Parliamo di quattro mostre principali, un meeting point, proiezioni di film, cinque mostre ed eventi con ospiti, 19 mostre ed eventi satellite, 14 workshop, otto conferenze e tavole rotonde, otto mostre ed eventi extra muros.

Giovanna Massoni, direttore artistico, commenta:

Il design socialmente orientato e multidisciplinare sostenuto da Reciprocity ci impone non solo di incontrare direttamente le persone ed entrare in contatto con la rete di associazione della regione, ma soprattutto di creare spazi durevoli e di collaborazione con questi cittadini. L'organizzazione di uno spettacolo di marionette, co-creato dai locali e dai designer presso la Maison des Jeunes d'Ougree-Bas, racconta la storia di un quartiere (Trasenster), che seguendo la rigenerazione delle sue infrastrutture sta anche cercando di rinascere attraverso le azioni che generano coesione locale e partecipazione locale. Questo progetto è probabilmente emblematica per l'edizione 2015: un esercizio per immaginare prospettive future, una piattaforma creativa per un cambiamento positivo che ha portato a un lavoro collettivo che parla a bambini e adulti.

  • shares
  • Mail