Maison et Objet settembre 2015 Parigi: Artemide illumina la mostra Light Trend 2015 - Light & Happiness

Durante la fiera parigina Maison & Objet, Artemide illuminerà la mostra Light Trend 2015 - Light & Happiness di Akari-Lisa Ishii e Motoko Ishii. Scopri di più sulla mostra e i progetti di Artemide qui su Designerblog.

Durante la fiera parigina Maison & Objet, Artemide illuminerà la mostra Light Trend 2015 - Light & Happiness di Akari-Lisa Ishii e Motoko Ishii.

Maison & Objet, consapevole dell’importanza dell’illuminazione nella progettazione di interni soprattutto nel mercato del lusso, darà uno spazio ampio all’area tematica riservata alla progettazione della luce, coinvolgendo anche per l’edizione 2015 della fiera il team franco-nipponico di Akari-Lisa Ishii e Motoko Ishii. I due lighting design presenteranno nella mostra Light Trend 2015 - Light & Happiness, le ultime tendenze nel settore dell’illuminazione, attraverso esperienze esclusive create per l’occasione.

Esperienze di illuminazione rese possibili anche grazie alle ultime tecnologie messe a punto da Artemide, che conferma anche quest’anno la collaborazione con il team Ishii. La luce Artemide sarà presente nelle sette sale che compongono Light Trend, ognuna delle quali ha un diverso approccio al perseguimento della felicità, tema su cui si sviluppa la mostra.

I visitatori potranno attraversare le sale e sperimentare le diverse espressioni della luce nella progettazione dello spazio e nelle diverse scene della nostra vita, riflettendo su come la luce ci possa rendere felici. Sarà la lampada a sospensione Eggboard, progettata da Giovanni Giacobone e Massimo Roj, a offrire contemporaneamente comfort acustico e comfort visivo, contribuendo alla creazione di un ambiente totalmente accogliente. Eggboard, abbina
all’efficienza acustica e luminosa anche uno scenografico effetto architettonico.

Il progetto concettuale Spectral Light, sviluppato dall’architetto Philippe Rahm, esplora la scomposizione dello spettro luminoso per creare una luce che “fa star bene” i vari abitanti della casa, non solo l’uomo ma anche piante e animali domestici. Una luce in grado di rispondere ai nostri bisogni biologici e fisiologici, rispettando l’ambiente grazie all’efficienza energetica del LED. I “raggi artificiali”, inseriti nella parte superiore della lampada, trasmettono le diverse lunghezze d’onda i cui colori restano visibili, mescolandosi, sfumando nel bianco, nella parte inferiore traslucida.

Assieme ad altri progetti di illuninazione Artemide, trova perfetta collocazione nella mostra il proiettore a Led Cata, disegnato da Carlotta de Bevilacqua: un apparecchio nato da un’attenta ricerca per l’illuminazione di accento e che, grazie all’uso di materiali trasparenti uniti a superfici riflettenti, smaterializza la sua presenza nello spazio.

  • shares
  • Mail