Molteni&C Dada flagship store: apre a Bologna in occasione di Bologna Design Week 2015

Molteni&C e Dada inaugurano il nuovo Flagship store a Bologna in occasione di Bologna Design Week che si svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre. Scopri di più sul concept dello store e sulle novità di design ospitate, qui su Designerblog.

tavolo_filigree_sedute_chelsea_design_rodolfo_dordoni_lr.jpg

Molteni&C e Dada inaugurano il nuovo Flagship store a Bologna in occasione di Bologna Design Week che si svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre.

Il Gruppo Molteni consolida così la collaborazione trentennale con Arredamenti Lolli, azienda leader nella progettazione di arredi di prestigio per la casa e punto di riferimento per il design a Bologna, con sede storica a Casalecchio di Reno.

Special guest della serata inaugurale, il primo ottobre, sarà Rodolfo Dordoni, designer di fama internazionale e partner di lunga data per Molteni&C e Dada. Lo showroom situato in Via Murri 56, si trova nelle vicinanze di Porta Santo Stefano, nonché del polmone verde di Bologna e dei giardini Margherita. Si tratta di uno dei più prestigiosi quartieri della città.

Il Flagship Store è stato progettato seguendo due concetti base: neutralità e naturalità. Lo spazio è stato concepito seguendo la logica progettuale della flessibilità aprendo il più possibile gli spazi esistenti e semplificando l’aspetto architettonico al fine di esaltare nel miglior modo possibile l’aspetto rappresentativo. Il risultato finale è uno spazio neutro che riesce a mettere in risalto i diversi progetti Molteni&C e Dada.

Tra le novità presenti nello showroom, si trova la collezione di sedie e poltrone Chelsea disegnata da Rodolfo Dordoni, ed arricchita di tre nuovi elementi. Un divano, una poltrona con schienale basso e un pouff, a completamento di una collezione che dal suo lancio, nel 2014, ha riscontrato grande successo tra gli estimatori del designer milanese.

Il divano si ispira all’idea originale del progetto Chelsea, dotandolo di un nuovo elemento d’arredo, protagonista della zona living. Un telaio in legno massello, disponibile in diversi colori, essenziale nel disegno ma raffinato nelle proporzioni, accoglie una seduta avvolgente ed ergonomica ma soprattutto confortevole grazie agli ampi cuscini in piuma d’oca. La poltrona con schienale basso, che riprende gli stilemi della bergère presentata l’anno scorso, introduce un criterio di modernità delle forme. Il pouff completa la collezione, ideale da abbinare alle poltrone per un completo relax. Tessuti e pelli della collezione Molteni&C impreziosiscono il progetto rendendolo unico e senza tempo.

Sempre di Rodolfo Dordoni, il nuovo store bolognese ospiterà Fulham, il letto che prende il nome da Fulham Road, nel cuore della City londinese. Il letto che il designer milanese ha progettato con l’obiettivo di rendere il nostro riposo confortevole e rigenerante, ha una base in legno, disponibile in diversi colori per integrarsi agevolmente in ogni camera da letto, che rende il letto protagonista della stessa. La testata avvolgente, in tessuto o pelle, permette di creare intorno a sè un confortevole ambiente dove riposarsi, leggere o guardare la televisione in tutto relax. Una panca da posizionare ai piedi del letto completa il progetto.

Per finire tra le novità di Rodolfo Dordoni troveremo Filigree, una serie di tavoli fissi ed allungabili. Strutture in alluminio pressofuso si sposano con piani in diverse finiture. La tecnologia impiegata è protagonista discreta, con sistemi di allungamento telescopico, piani rinforzati a spessore ridotto, trattamenti delle superfici specifici per ogni tipo dimateriale impiegato. Presenti versioni fisse, rettangolari e quadrata e una versione allungabile rettangolare.

Cambiando designer, troviamo Gliss Master di Vincent Van Duysen, un progetto che nasce dalla volontà di presentare una nuova serie di armadi concettualmente all’avanguardia sia tecnologicamente che sotto il profilo estetico. Gliss Master, infatti, unisce la purezza delle forme, l'uso dei materiali e tecnologie esclusive che si compongono armoniosamente per dar vita ad un progetto funzionale, dove l’aspetto visivo e tattile riveste grande importanza, seguendo due nuove tendenze oggi diffuse nell’abitare: il mimetismo, ossia l’armadio che scompare (anta plaster), contrapposto all’anta vetro, dove l’armadio mostra il suo contenuto in un raffinato gioco di vetri e trasparenze.

I sistemi di apertura rappresentano una sintesi del pensiero architettonico di Vincent Van Duysen declinato in un raffinato contesto domestico. Dettagli architettonici, studio dei materiali ed ergonomia sono gli ingredienti che hanno permesso di progettare una vasta tipologia di ante adatte ad ogni contesto. Nove sono le tipologie di ante proposte. Soluzione tecnologiche avanzate come i meccanismi di scorrimento, sovrapposti e complanari, che si avvalgono di un sistema di ammortizzatori magnetici che elimina il rumore in fase di attivazione. Questo sistema richiede una forza di soli 1,5 Kgper aprire o chiudere l’anta, migliorando, così la fluidità di scorrimento. Le nuove cerniere ad incasso, in finitura peltro, inserite nella base e nel coperchio dell’armadio consentono una pulizia estetica a 360°. Le maniglie in materiali e finiture pregiate si abbinano perfettamente alle ante su cui sono montate. L’attrezzatura interna, di nuova concezione, è studiata per soddisfare tutte le esigenze di contenimento richieste dal mercato. Il sofisticato porta camicie estraibile, i cassetti e i vassoi estraibili, i ripiani porta scarpe, gli accessori come i portacravatte, i portagioielli in “eco skin” e il un nuovo sistema di illuminazione a led sono alcune delle novità proposte. Completa l’offerta una nuova cassettiera ad isola che può essere posta nel centro della stanza.

Infine chiudiamo con Vela, un classico senza tempo di Dante Bonuccelli. È tecnologica con discrezione, una certezza al centro della casa. Vela disegna le superfici con forte unità. È tutta nella continuità dei pannelli, nella trama esile delle linee di divisione. Gli spessori dell’anta si riducono a 13 mm, assottigliandosi e smaterializzandosi. La tecnica costruttiva si evolve e stratifica materiali differenti, compensandone le tensioni e disegnando nuove proporzioni e dettagli tecnici distintivi, come il nuovo meccanismo di apertura battente che consente una particolare rotazione dell’anta. Vela si apre da sempre con la maniglia; nella nuova re-interpretazione della collezione, diventa segno grafico che enfatizza e sottolinea le linee orizzontali dei piani. Sovrapposizione di linee sottili caratterizzano i top, che nascondono la tecnologia delle lavorazioni. I materiali di rivestimento propongono l’essenza di Eucalipto, sapientemente lavorato con vena orizzontale, e la nuova
selezione di laminati nanotecnologici ad alta resistenza ed eccellente tattilità.

  • shares
  • Mail