Galleria Campari: il museo che racconta la storia e l’evoluzione dell’aperitivo rosso

Inaugurata nel 2010 in occasione del 150° anniversario del marchio, Galleria Campari è stata visitata da circa 10.000 visitatori negli ultimi cinque anni. Aperta al pubblico nelle giornate di martedi, giovedì e venerdì e il primo sabato del mese, negli spazi della palazzina Liberty di via Gramsci a Sesto San Giovanni.

Galleria Campari

Galleria Campari è lo spazio dedicato all’arte del bere, un viaggio nel mondo delle forme e dei colori, un omaggio al passato ma al tempo stesso anche un distillato di ironia e meraviglia. Artisti di ogni genere si sono cimentati nella rappresentazione dell’essenza del marchio: da Fortunato Depero, autore della comunicazione Campari dal 1926 al 1936, a Bruno Munari, attivo per Campari dal 1932 al 1982 circa. Da Federico Fellini che firma nel 1984 il primo spot per Campari, a Ugo Nespolo, che nel 1990 orchestra la pubblicità Campari per i Mondiali di Calcio ’90. Gli spazi di Galleria Campari si sviluppano su due piani: il primo dedicato all’arte e alla comunicazione Campari nel corso della storia, il secondo si focalizza sulla comunicazione del prodotto, con la ricostruzione di bar reali e fantastici e con l’utilizzo di media non convenzionali.

La Galleria Campari sorge negli spazi della palazzina liberty risalente al 1904, in via Gramsci a Sesto San Giovanni. L’edificio, allora nato quale primo stabilimento di produzione industriale ad opera di Davide Campari, figlio del fondatore Gaspare, è stato ristrutturato dall’architetto Mario Botta che, con grande capacità compositiva, lo ha inserito nel contesto del nuovo edificio di indiscusso valore architettonico e urbanistico, che ospita dall’aprile 2009 l’Headquarters del Gruppo Campari.

Il primo piano della Galleria è stato suddiviso in tre grandi aree tematiche: comunicazione, arte e produzione, con immagini suggestive che ci mostrano la produzione nel nuovo stabilimento di Novi Ligure. Muovendosi attraverso il primo piano si vive un’esperienza multimediale, interattiva e ricca di elementi virtuali, è un luogo dove il carattere del marchio può essere percepito anche attraverso l’olfatto e l’udito, e che celebra il patrimonio artistico che contraddistingue la comunicazione di Campari. E’ possibile trovare una selezione delle campagne pubblicitarie Campari, tra cui il celebre spot di Federico Fellini, i caroselli dal 1954 fino al 1977 e i video dei Calendari Campari dal 2000 al 2011. In più una serie di opere su carta di Ugo Mochi, Marcello Dudovich, Primo Sinopico e Leonetto Cappiello, ma anche opere su chine, pastelli, tempere e manifesti litografici di Milton Glaswer, Roberto Sambionet, Brunetta, Sergio Tofano, Nicolaj Diulgheroff, Marcello Nizzoli.

Le tre aree tematiche sono caratterizzate da tre luoghi distinti: una parete/muro di 32 metri dove vengono narrate le tappe fondamentali della storia Campari; il percorso/carpet, un viale cittadino illuminato in cui l’esperienza sensoriale fatta di suoni, immagini e profumi accompagna il visitatore attraverso un viaggio polisensoriale; il tavolo/archivio multimediale in cui, attraverso postazioni multimediali touch-screen, il visitatore può sfogliare alcune rare pubblicazioni custodite nell’Archivio Campari. Più avanti si possono vedere o rivedere le più belle immagini tratte dai Calendari Campari.

Proseguendo il viaggio attraverso il primo piano della Galleria, il visitatore si trova davanti a una parete/videowall, che proietta una selezione del ricco archivio delle campagne pubblicitarie Campari e l’esperienza si completa con una curiosa macchina del tempo, la Time Traveller, che fornisce le fondamentali tappe storiche del marchio.

02 (Large) (15)

All’ingresso del secondo piano della Galleria il visitatore viene accolto dall’enorme C di Campari che emerge dal pavimento: qui il protagonista diventa il prodotto. Nella prima stanza, oltre 4.000 gocce di Campari pendono dal soffitto e avvolgono il visitatore. A sinistra su uno schermo a forma di bottiglia scorrono i numeri di Campari. E’ nella stanza dei Bar e in quella Vintage (la seconda e la terza) che il visitatore scopre come nasce il mito di Campari, frutto dell’incontro tra tradizione e innovazione.

Alle pareti e nelle maxi capsule al centro della stanza dei Bar il visitatore trova una selezione di oggetti tipici del mondo dei bar, shaker, bicchieri, menu, posacenere, vassoi, bottiglie. Il tempo e lo spazio Campari sono scanditi dalla luce delle lampade di Ingo Maurer e dagli orologi originali degli anni ’60 e ’70. Sulla lunga parete di sinistra è stato riprodotto in scala 1 a 2 un tram delle Officine Breda con maniglie originali Campari.

Mentre nella stanza Vintage il visitatore si trova davanti un castello di gigantesche carte Modiano, tipico gadget per i baristi degli anni ‘50. Le maxi teche a forma di fiches da gioco contengono i Preziosi Campari. Nella enorme bottiglia in plexiglass rosso che fa da cornice galleggiano le cartoline da collezione. La stanza dei Gadget è il trionfo delle insegne pubblicitarie che rendono il marchio riconoscibile da tutti grazie a un linguaggio quotidiano e di uso comune. Sullo sfondo, una tenda colorata lunga 7 metri trasporta il visitatore nel mood degli anni ’50 e della propaganda pubblicitaria.

Nell’ultima stanza, il protagonista diventa il design, legato fin dagli anni ’30 a doppio filo con il marchio Campari. In quest’area vi sono tre installazioni multimediali con monitor touch screen attraverso i quali il visitatore può “giocare” visionando le interviste fatte ai designer che negli anni hanno celebrato e interpretato Campari e Camparisoda: Matteo Thun, Marcus Benesch, Marco Milan e Matteo Ragni. Il percorso si conclude così come è iniziato: la storia di Campari attraverso un’affascinante carrellata di 60 bottiglie dell’aperitivo rosso dalla fine dell’800 ad oggi.

Galleria Campari è stata inaugurata nel 2010 in occasione del 150° anniversario del marchio e dalla sua apertura è stata visitata da circa 10.000 visitatori, ha ospitato cinque mostre temporanee tra cui “Depero con Campari”. Galleria Campari è aperta al pubblico nelle giornate di martedì, giovedì, venerdì e il primo sabato di ogni mese dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.30.

Iniziativa realizzata in collaborazione con Gruppo Campari Spa

  • shares
  • Mail