Willard Wigan e il design più piccolo che ci sia


Quanto può essere piccolo il design? Se pensiamo a una sedia siamo lontanissimi, e lo stesso si dica per chi pensa a un'immagine coordinata. Il più piccolo design si annida lì dove l'occhio nudo non può arrivare, il che crea un bel paradosso che ci lascia interessanti interrogativi, ma soprattutto stupefacenti lavori.

Willard Wigan è il fautore di queste produzioni, grandi quanto la cruna di un ago, dove se non entrano cammelli o ricchi, di sicuro entrano capolavori tanto microscopici quanto sbalorditivi, di una precisione unica e impressionante.

Se un tempo si diceva per i più minuziosi pittori che dipingessero in punta di pennello, oggi dobbiamo dire che la creazione avviene in punta di spillo, grazie a un microscopio e a tanta mano ferma.

Tutto nacque in maniera estremamente poetica: quando Williard aveva solo cinque anni e voleva dare una casa alle formiche, che pensava non l'avessero. Da qui il passo è stato breve a volergli costruire scarpe e vestiti.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: