"Seed" è l'animazione in stop-motion di Ben Richardson e Daniel Bird

Una lotta a colpi di frequenze per contendersi la ricezione di una radio. Una sinistra metafora dell'essere umano: blandito dai mezzi di comunicazione che utilizzano tecnologie sempre più potenti e invasive (simboleggiati da un uovo e una mela) fino all'ultimo - fatale - transistor. Un lavoro visionario e incredibile realizzato interamente in stop-motion da Ben Richardson e Daniel Bird.

Scritti dallo stesso Daniel Bird, i dieci minuti di "Seed" si sono accaparrati numerosissimi premi nei più importanti festival. Guardando il risultato finale non c'è da stupirsi: favola gotica in cui l'artwork iperrealista contribuisce a trasmettere un senso di costante inquietudine. Uno dei migliori cortometraggi in circolazione.

  • shares
  • Mail