Google getta un occhio sul 2011 tramite Zeitgeist e ci dice "2011. We made it".


Zeitgeist è il servizio di Google che stila una classifica di cosa il mondo ha cercato in un anno, con relative statistiche e approfondimenti. Dai dati raccolti si ottiene uno spaccato di quell'anno che presume essere specchio della realtà, anche se si dovrebbe pensare che lo sia solo a livello mediatico ed economico.

Per la conclusione del 2011 non solo è a disposizione la suddetta pagina, ma anche un video che in maniera ancora più sintetica, ma d'impatto, racconta cosa sia accaduto in questo anno agli sgoccioli.

L'effetto che ne deriva è un susseguirsi di emozioni per quanto si riconosce di aver vissuto. Dalle catastrofi naturali alle rivoluzioni di popolo il video ci rende partecipi di quella grande comunità che vive in uno spazio che è il mondo, e in un tempo che è l'anno passato.

Il video si conclude necessariamente in bellezza: "2011. We made it" che sottolinea il protagonismo di cui ognuno di noi sente il bisogno, un po' come già fece De Gregori quando cantava "La storia siamo noi".

Curioso poi osservare come "We made it" si presti a una favorevole ambiguità: noi chi? Il mondo, o Google, che effettivamente è ormai la nostra memoria, i nostri occhi e le nostre orecchie?

Quale che sia la risposta, è affascinante riflettere sul nostro personale, intimo, "zeitgeist", il nostro spirito del tempo, magari proprio attraverso il design. Con la speranza di continuare a farlo ancora assieme, vi auguriamo un buon 2012.

  • shares
  • Mail