"The Done Manifesto": l'infografica illustrata da James Provost


1) There are three states of being. Not knowing, action and completion. 2) Accept that everything is a draft. It helps to get it done. 3) There is no editing stage. 4) Pretending you know what you're doing is almost the same as knowing what you are doing, so just accept that you know what you're doing even if you don't and do it. 5) Banish procrastination. If you wait more than a week to get an idea done, abandon it. 6) The point of being done is not to finish but to get other things done. 7) Once you're done you can throw it away. 8) Laugh at perfection. It's boring and keeps you from being done. 9) People without dirty hands are wrong. Doing something makes you right. 10) Failure counts as done. So do mistakes. 11) Destruction is a variant of done. 12) If you have an idea and publish it on the internet, that counts as a ghost of done. 13) Done is the engine of more.

Per quanto possiate essere allergici a regole e decaloghi, questo compilato da Bre Pettis, fondatore della Makerbot e dal suo collega Kio Stark è di quelli da mandare a memoria. Ce lo propongono come guida per realizzare la propria visione creativa, ma leggendolo ci accorgiamo presto che è pieno di ottimi consigli utili a ciò che necessita capacità e concentrazione per essere portato a termine.

Bonus decisamente gradito, l'infografica che ne ha ricavato il James Provost e il relativo poster. Ispirandosi all'icona pop-geek del Cubo di Rubik, ha sintetizzato abilmente ciascuna delle tredici frasi in modo tale che anche decifrare il ragionamento che le ha ispirate sia l'occasione di riflettere sul valore del messaggio.

(cliccate sull'immagine a inizio post per vedere l'infografica completa)

  • shares
  • Mail