Lo studio RO&AD al Dutch Design Awards attraversa le acque per giungere tra i finalisti

Il ponte-fossato dello studio RO&AD

Al Dutch Design Awards sappiamo che giungono sempre grandi idee di ogni genere, come è giusto che sia, dal famoso cucchiaino, all'opera di urbanistica. Tra i finalisti di quest'anno è giunto anche lo studio RO&AD di designer e architetti.

Come è possibile? è stato quanto ha esclamato, sorpresa, la giuria, al vedere la realizzazione di un progetto che effettivamente dell'incredibile lo ha. Si tratta di un prodotto architettonico a metà tra un ponte ed un fossato, e infatti bene o male così è da percepire, nelle intenzioni del team creativo.

Il passaggio già di per sé ha un forte potere comunicativo ed evocativo, come per esempio quello da parte di Mosè con il suo popolo al seguito nell'attraversare il Mar Rosso; ed è proprio a questo episodio biblico che si sono ispirati gli architetti, nel progettare una fessura nel fiume che fosse attraversabile e si mantenesse a pelo con l'acqua.

Il canale un tempo faceva parte di una fortificazione in cui ci si nascondeva, ora invece il nascondersi diventa un gioco, una scoperta, una sorpresa, potendolo fare con il minimo dell'invadenza e il più assoluto rispetto di un'opera invisibile.

Il ponte-fossato dello studio RO&AD

Il ponte-fossato dello studio RO&AD
Il ponte-fossato dello studio RO&AD
Il ponte-fossato dello studio RO&AD
Il ponte-fossato dello studio RO&AD

  • shares
  • Mail