"Autobox": i contenitori di Andrew Haythornthwaite per la stanza dei ragazzi che si trasformano in un gesto

"Autobox" nasce durante un workshop organizzato in collaborazione con Arco (azienda olandese produttrice di mobili) dall'idea di Andrew Haythornthwaite: designer neozelandese e acquisto dello Okay Studio. Prendendo spunto dai giocattoli meccanici come i jack-in-the-box, questo progetto esplora le strutture in grado di espandersi e contrarsi con un unico, semplice gesto.

Un unico gesto, doppio risultato. Ogni oggetto si trasforma da contenitore a espositore senza il minimo sforzo, azionando una manovella che ne sviluppa contemporaneamente la dimensione verticale e quella orizzontale. Ottima la scelta dei colori, l'uso dei materiali (legno e metallo) e la linea minimale e vagamente retro di ogni 'scatola'.

Foto | Lucas Hardonk

  • shares
  • Mail