Francis Baudevin e il poster della quarantacinquesima edizione del "Montreux Jazz Festival"

Francis Baudevin e il poster della quarantacinquesima edizione del "Montreux Jazz Festival"

Cinque colori (blu, rosso, giallo, bianco e nero), tre cerchi in sequenza all'interno di un quadrato: è il lavoro minimale e fortemente evocativo realizzato da Francis Baudevin come simbolo della quarantacinquesima edizione del Montreux Jazz Festival. Baudevin è uno dei più importanti membri del movimento di arte contemporanea della Svizzera ed è stato scelto da Claude Nobs, ideatore e patron della manifestazione musicale, che ha sempre cercato il connubio tra musica e arte fin dai primi anni del festival (con illustri precedenti come Andy Warhol e Keith Haring).

Il disegno è lo stesso utilizzato da Moleskine nel suo taccuino in edizione limitata dedicato al Festival, con la tradizionale banda colorata ispirata al poster originale. Punzonato sulla copertina invece c'è il disegno astratto in bianco e nero, che viene ripetuto all'interno del notebook sul risvolto personalizzato. Ecco come Francis Baudevin racconta la sua ispirazione per questo lavoro:

La divisione in quattro parti e la figura ricorrente del cerchio producono un incontro visivo e ritmico. Vedo il cerchio come forma molto musicale, che si trova in numerosi strumenti. La disposizione degli elementi a 45 gradi rappresenta il quarantacinquesimo Festival, ma anche il disco a 45 giri, con il suo foro circolare al centro. Mi interessa anche il rapporto tra lo sfondo e il motivo, soprattutto quando lo sfondo diventa il motivo reale.

  • shares
  • Mail