Wig, le teste fiorite di Tania da Cruz

Wig, le teste fiorite di Tania da Cruz

Fa venire in mente le vecchie cuffiette con cui le almodovariane parrucchiere di una volta (non senza strappare qualche lacrima alle volenterose clienti) applicavano, ciuffo per ciuffo, le creme per ottenere colpi di sole e mèches sui capelli. In realtà l'effetto che si ottiene utilizzando al meglio il vaso Wig è quello di un quadro arcimboldesco.

Tante suggestioni, alte o basse che siano, per dire che Wig, che in inglese vuol dire parrucca, è un oggetto evocativo, un vaso in ceramica bianca a forma di testa, femminile, elegante, senza tempo. I fori sul capo permettono l'inserimento degli steli per formare vere e proprie acconciature floreali, dalle più minimali alle più colorate, lunghe con fiori ricadenti o appena accennate da boccioli che spuntano timidamente come boccoli.

Progettato dalla portoghese Tania da Cruz, Wig è stata presentata quest'anno al Salone Satellite, insieme alla lampada applique in ceramica bianca Cuore Sacro e ai copri-cavi che formano arabeschi sulle pareti Florafil, come potete vedere nel video dopo il salto.

Wig, le teste fiorite di Tania da Cruz

  • shares
  • Mail