Slothouber e Graatsma: il design a partire da un cubo

Slothouber e Graatsma

Innovativi e tradizionali, geometrici e capaci di pensare fuori dagli schemi, Jan Slothouber e William Graatsma sono stati una coppia di architetti e designer che ha saputo costruire una vera e propria leggenda attorno alla figura del Cubo. A partire dal loro celebre rompicapo (come comporre sei blocchi da 1×2×2 tre blocchi da 1×1×1 in una scatola che misuri 3 × 3 × 3?), hanno lavorato dal 1955 in poi al servizio della DSC (la Dutch State Mines), realizzando packaging, materiale promozionale, pubblicitario e informativo.

Tutto nasceva dalla loro ossessione per un solido e le sue applicazioni. Il Cubo come prospettiva, nucleo e elemento modulare da declinare anche in relazione al suo rapporto con i materiali. Una visione democratica e fortemente speculativa del design, unita alla vecchia tradizione idealistica, che proponeva soprattutto in quegli anni (a cavallo tra i '50 e i '60) un ruolo importante per l'arte e il design all'interno della società.

Tantissimo il materiale in rete con cui approfondire il loro percorso, fino alla celebrazione con una mostra della Vivid Gallery di Rotterdam fino al 27 di febbraio.

Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo
Slothouber e Graatsma il design a partire da un cubo

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: