Designer da scoprire: ironia e curiosità nel portfolio di Emilie Voirin

Il portfolio di Emilie Voirin
Via Madame Hervé, scopro per caso il sito della giovane designer Emilie Voirin, francese di origine ma trapiantata a Londra dove, dopo un breve periodo lavorativo presso lo studio di Tom Dixon, si è data alla libera professione.

Molti gli oggetti del suo portfolio che combinano curiosità e senso di novità, tra cui vi segnaliamo Indipendent Arm, uno sgabello che riprende la forma del bracciolo di un divano (magari anche voi amate sedervi proprio lì?), o Bun Box, scatole in porcellana bianca con un coperchio di capelli intrecciati, a mo' di parrucca. Se vi piace il genere erotico, invece, non perdetevi la seduta in midollino Emmanuelle is Shy, dedicata al film cult Emmanuelle, ma date un'occhiata anche all'innovazione tecnologica low-tech di Radio Bise, una radio che si accende e spegne con un soffio d'aria.

Già arrivati, nel giro di pochi anni, i riconoscimenti che contano, come la selezione tra i migliori studenti del VIA, o la partecipazione a collettive presso Rossana Orlandi e Spazio Krizia. Merito, probabilmente, di una carica ironica che si fonde a consapevolezza estetica e gusto per la provocazione (Un po' in stile 5.5. E quanti di voi, per inciso, credono che i francesi potrebbero essere, dopo gli olandesi, "the next new thing", sempre ironici e spiazzanti ma più sensibili alle necessità dell'industria e della committenza?)

Il portfolio di Emilie Voirin

Il portfolio di Emilie Voirin
Il portfolio di Emilie Voirin
Il portfolio di Emilie Voirin

Il portfolio di Emilie Voirin
Il portfolio di Emilie Voirin
Il portfolio di Emilie Voirin

  • shares
  • Mail