Bologna Water Design 2014, le date e gli eventi da non perdere

Torna a settembre Bologna Water Design 2014, l'evento legato al connubio fra design e acqua arrivato alla sua quarta edizione

still-bolognawaterdesign

Bologna Water Design arriva alla sua quarta edizione. Dopo il successo di pubblico del 2013, che ha contato uno stuolo di 15mila visitatori, l'evento dedicato all'elegante connubio fra acqua e design, si ripete anche quest'anno, occupando la bellissima location dell'ex Ospedale dei Bastardini, sito in via d'Azeglio al numero 41.

Anche per il 2014 BWD si incastona nella settimana fieristica di Cersaie, il rinomato Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno, diventando un completamento di quest'ultimo. Anche per la quarta edizione sono previsti progetti e ospiti importanti (i nomi delle scorse edizioni sono stati del calibro di Mario Bellini, Aldo Cibic, Mario Cucinella, Michele De Lucchi, Diego Grandi, Kengo Kuma e Daniel Libeskind), che tratteranno il tema dell'acqua con installazioni affascinanti e quasi oniriche.

Il Bologna Water Design 2014 aprirà ufficialmente i battenti il 22 settembre, data dell'Opening, per poi chiudersi il 27. Anche se il calendario con tutti gli appuntamenti ancora non è stato reso noto, di certo già possiamo segnare in agenda alcuni eventi da non perdere. Qualche esempio? L'incontro del 23 in compagnia di Philippe Daverio o la conferenza sul cibo del giorno dopo, che sarà anche una finestra sulle iniziative di Bologna EXPO 2015.

Per il 25 è invece prevista la conferenza con Manfredi Catella, CEO Hines Italia, che affronterà il tema dell’eccellenza italiana partendo dal tema dello sviluppo immobiliare. Ovviamente, oltre agli incontri, quello che attirerà l'attenzione dei visitatori anche per questa edizione, saranno i bellissimi progetti di architetti e designer di fama mondiale, impegnati a dare una forma più "seducente" all'acqua.

A completare il tutto concerti, performance, mostre e proiezioni, che animeranno l'incantevole palazzo del XVI secolo con percorsi interattivi che coccoleranno gli ospiti, mettendoli a contatto con una sorta di realtà parallela, in cui tutto ciò che è fluido diventa protagonista indiscusso.

  • shares
  • Mail