Danese rivisita il design di Enzo Mari nei suoi oggetti iconici

Le opere iconiche di Enzo Mari rieditate da Danese per riportare in auge gli oggetti che hanno segnato la storia del design

La storia del marchio Danese è intrecciata con quella di Enzo Mari ed è una storia che nasce sulla fine degli anni 50 nella culturalmente attiva Milano. Per rendere omaggio all'illustre maestro del design industriale, il brand ha oggi deciso di rivisitare alcuni pezzi iconici di Mari come Kerguelen e le stampe della Serie della Natura.

Il primo è un totem multifunzione in alluminio e ferro che nel 1968 il designer aveva proposto in materiale plastico. La forma tubolare è stata mantenuta invece intatta e risulta sempre semplice ed essenziale, in poche parole votata all'essenzialità e alla praticità. Diversa è invece la dimensione che, rispetto all'originale degli anni sessanta, è stata ridotta in diametro.

Serie della Natura sono invece delle stampe grafiche che Mari ha curato dal 1965 al 1976 che raffigurano animali, frutta e appunto cose appartenenti al mondo della flora e della fauna. L'idea del designer dalla creatività inestinguibile, che ha sempre prediletto l'eliminazione del superfluo come chiave per la produzione dei suoi lavori, era quella di trasformare l'immagine nel simbolo di se stessa (es. un frutto è IL frutto per antonomasia).

Quello che Danese ha voluto riprendere sono quattro animali nominati e numerati tratti dal Gioco Delle Favole. In particolare parliamo di “Sei, l’orso”, “Sette, il leone”, “Quattordici, la rana”, “Quindici, il gorilla”. Stampe di tipo seriale ispirate nella scelta dei soggetti alla semplicità e realizzate per divenire design alla portata di tutti. Come Enzo Mari ha sempre voluto.


Danese rivisita Enzo Mari

  • shares
  • Mail